• Articolo , 2 maggio 2011
  • “Effetto Serra”: le politiche giovanili si “tingono di verde”

  • Le Politiche Giovanili della Provincia di Ascoli Piceno si “tingono di verde” con il progetto “Effetto serra” che, in questa prima edizione sperimentale, si articolerà in un ciclo di workshop formativi rivolti ai giovani del territorio per un percorso di apprendimento e di informazione sulla “produzione del cibo” e sulla sua qualità. Il progetto, sviluppato […]

Le Politiche Giovanili della Provincia di Ascoli Piceno si “tingono di verde” con il progetto “Effetto serra” che, in questa prima edizione sperimentale, si articolerà in un ciclo di workshop formativi rivolti ai giovani del territorio per un percorso di apprendimento e di informazione sulla “produzione del cibo” e sulla sua qualità.

Il progetto, sviluppato insieme alla cooperativa sociale “A Piccoli Passi”, si pone l’obiettivo di formare una generazione più consapevole e responsabile sulle tematiche alimentari, fornendo nozioni di agronomia, nutrizionismo, erboristeria e cucina. Il primo appuntamento sarà sabato 30 aprile, presso la sala riunioni del Palazzo del Lavoro (ex Vannicola) in via Mare a Porto D’Ascoli a partire dalle ore 10. Interverranno il Presidente della Provincia Piero Celani, il Vice Presidente e Assessore alle Politiche Giovanili Pasqualino Piunti, l’Assessore all’Agricoltura Giuseppe Mariani e il Rettore dell’Università di Camerino che ha aderito con convinzione al progetto. La giornata del 30 aprile sarà caratterizzata da interessanti risvolti culinari con una degustazione di prodotti tipici locali (tutti assolutamente biologici) e di un momento ricreativo in cui i partecipanti saranno chiamati a realizzare un “micro progetto” dando spazio alla creatività e all’inventiva sempre in una prospettiva “green”.

“Effetto serra si impegnerà a far capire che l’atto di produrre il cibo da sé, coltivandolo in un piccolo orto o, come avviene sempre più spesso in alcuni paesi del nord in “serre condominiali”, non è solo una questione di scelta – ha evidenziato l’assessore Piunti – ma anche un fattore importante, soprattutto in un contesto in cui le risorse energetiche diventano sempre più costose ed inquinanti e cresce l’attenzione alla qualità del cibo”.

Gli incontri proseguiranno il 13 maggio con l’agronomo forestale Matteo Isopi; quindi il 27 maggio con la biologa nutrizionista Raffaella Tosi e la farmacista erborista Emanuela Lattanti; per concludersi il 3 giugno con la cuoca Maria Teresa Massi e “l’animatore alimentare” Nazzareno Spazzafumo.