• Articolo , 28 novembre 2008
  • ‘Green Carpet’ per le nostre auto

  • Chiude quest’oggi Asphaltica, il Salone europeo interamente dedicato alle tematiche connesse alla strada e all’asfalto. Fra le novità la sottoscrizione di un protocollo fra ANCI e SITEB per una campagna volta al risparmio energetico e la limitazione della produzione di polveri sottili

Le nostre auto come star cinematografiche. Tuttavia invece di percorrere il ‘red carpet’ percorreranno una sorta di ‘green carpet’. Sottoscritto infatti l’accordo fra ANCI e SITEB nel corso di Asphaltica il Salone europeo organizzato da SITEB stessa a Padova e che oggi chiude i battenti; tale accordo prevede l’adozione di un protocollo per l’attuazione sul territorio nazionale di una campagna volta a valorizzare il risparmio energetico e la limitazione della produzione di polveri sottili nelle attività di manutenzione delle strade. Saranno quindi organizzati seminari tecnici e corsi di aggiornamento, oltre che allestiti manuali e guide per il corretto riutilizzo dell’asfalto, con l’obiettivo primario di ridurre le emissioni di CO2, recuperare e riciclare, al massimo, il materiale proveniente dalla demolizione delle pavimentazioni esistenti. L’obiettivo è quello di rendere più sicure e meno inquinanti strade e autostrade che ogni giorno sono percorse sul territorio nazionale. Tra le novità presentate al salone e che sono chiara manifestazione dell’intensa attività di ricerca che gli operatori dell’industria delle strade hanno portato avanti in questi ultimi anni, sono da segnalare le strade realizzate con gomma riciclata, promuovendo così da un lato lo smaltimento dei pnumatici e dall’altro garantendo contemporaneamente una maggiore sicurezza sulle strade, in quanto l’utilizzo di pneumatici fuori uso insieme all’asfalto aumenta l’aderenza dei veicoli al manto stradale, favorendo il controllo della traiettoria e la frenata. Quanto all’impatto ambientale inteso più da un punto di vista estetico è da sottolineare l’uso di un particolare afalto colorato, su varie tonalità di colore, che riduca al minimo l’impatto visivo della strada sull’ambiente circostante, oltre che costituire elemento di arredo urbano per piste ciclabili, giardini e parchi. Un’altra tecnologia, ancora in fase di sperimentazione, è rappresentata dagli asfalti tiepidi o a bassa temperatura, il cui obiettivo è quello di ridurre i consumi energetici nel pieno rispetto del protocollo di Kyoto. L’asfalto tiepido,infatti, prodotto e messo in opera a temperature di gran lunga inferiori a quelle tradizionali consente un notevole risparmio energetico oltre che una riduzione al minimo nell’emissione di fumi, favorendo evidenti ricadute positive per l’ambiente. Quanto ai trattamenti necessari per la mautenzione delle strade, quelli superficiali a freddo consentono notevoli vantaggi energetici, in quanto le emulsioni (bitume sciolto nell’acqua) e il bitume schiumato (bitume espanso) permettono di realizzare applicazioni a freddo adatte a diverse tipologie di strade. Tuttavia tali applicazioni, sebbene enormemente vantaggiose in termini energetici, economici e ambientali, sia sole che affiancate a quelle tradizionali a caldo, in Italia sono ancora poco note e diffuse.