• Articolo , 21 gennaio 2011
  • “Accade Domani”, premiata la sostenibilità

  • Sono stati premiati ieri i vincitori del concorso indetto dall’Associazione Italia Futura, premiati i progetti più eccellenti in termini di efficienza energetica e impatto zero.

(Rinnovabili.it) – Sono stati assegnati ieri, al Teatro Palladium di Roma, i premi di *Accade Domani* il concorso lanciato il 3 giugno scorso da Italia Futura. Quest’anno la seconda edizione del competition è stata improntata sui temi della sostenibilità ambientale e della green economy. I progetti selezionati, circa 200, sono stati posti al giudizio di una giuria popolare in collaborazione con una di esperti, secondo quattro categorie: l’efficienza energetica, la gestione del territorio, la mobilità sostenibile e la gestione dei rifiuti. I vincitori sono stati insigniti del riconoscimento nel corso di una cerimonia ufficiale in presenza del Presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo. Il primo premio, del valore di 30.000 euro per la categoria efficienza energetica, è andato al *Calore solare per processi industriali,* nato con l’intento di produrre calore ad impatto zero, fino a 200° C, nelle filiere produttive dipendenti dai combustibili fossili, sostituendoli con la tecnologia del solare termico. Per quanto riguarda invece le categorie no-profit i restanti tre premi sono stati assegnati a: *SAWE – Software Anti-Waste of Energy,* un programma di “Green Computing”, volto a rendere migliori le prestazioni dei nostri PC, disattivandoli automaticamente dopo un periodo di inattività, ottimizzandone in tal modo il risparmio energetico; *Giardini di Barriera* il nome del secondo progetto vincitore della sezione dedicato alla realizzazione di giardini su aree comunali in disuso, con l’intento di aumentare la percentuale di zone verdi nelle nostre città; infine il premio leaseplan è andato a *Blu Esprit,* un “kit ecologico ed economico” grazie al quale sarà possibile risparmiare una quantità di acqua, pari a circa 54 miliardi di litri l’anno, utilizzata per la pulizia di circa 36 milioni di auto. Si tratta quindi di progetti più o meno complessi accumunati da un unico obiettivo: un futuro più pulito con il minor impatto ambientale.