• Articolo , 15 luglio 2008
  • “Bioenergie: un sogno nel cassetto?”

  • Potranno le biomasse ed i biocombustibili costituire una valida, seppur parziale, risposta alla crescente domanda di energia? Di questo si discuterà nella giornata organizzata da SAFE, venerdì 18 luglio a Roma

Tra le diverse fonti rinnovabili le bioenergie (biomasse e biocombustibili) stanno registrando un interesse via via crescente, sia per la produzione di energia elettrica che per l’utilizzo nel settore trasporti. Per portare il suo contributo alla comprensione di quali siano le reali opportunità per le bioenergie l’associazione no-profit SAFE (Sostenibilità Ambientale Fonti Energetiche) ha organizzato per venerdì 18 luglio a Roma, alla Camera dei Deputati, il workshop “Bioenergie: un sogno nel cassetto?”. Con questo incontro l’associazione vuole far chiarezza sulle prospettive d’utilizzo di biomasse e biocombustibili nel settore elettrico o nei trasporti, sugli ostacoli ancora da superare per poter sfruttare appieno un potenziale ancora in larga parte inespresso. Ad aprire i lavori saranno Raffaele Chiulli, presidente SAFE e Giulia Dramis, del Centro Studi SAFE. Seguiranno gli interventi di Adriano Piglia, direttore Centro Studi SAFE; Luciano Barra, capo della Segreteria Tecnica DGERM del Ministero dello Sviluppo Economico; Jean Preston, consigliere per gli Affari Ambientali, Scientifici e Tecnologici dell’Ambasciata degli Stati Uniti d’America. All’evento interverranno inoltre rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni industriali, esponenti del mondo della ricerca scientifica e top manager delle aziende.