• Articolo , 8 febbraio 2010
  • “Business as Unusual”, così Enel inaugura il Sustainability Day

  • La tematica dell’evento è stata definita grazie ai lavori del workshop preparatorio svoltosi il 30 ottobre scorso, durante il quale oltre trenta esperti e addetti ai lavori hanno individuato questioni e obiettivi di questa giornata che diventerà una piattaforma di confronto annuale

(Rinnovabili.it) – Responsabilità, sostenibilità, business: queste le parole chiave dell’evento che oggi a Roma ha saputo riunire tra i maggiori esperti internazionali di tre fattori strettamente interconnessi fra loro, perlomeno in quel nuovo modello economico che dovrebbe essere alla base del tanto citato new green deal.
I riflettori del primo Sustainability Day organizzato da Enel hanno evidenziato proprio ciò, a partire dal tema odierno “Business as Unusual” e dal presidente dell’incontro Mervyn King, professore presso l’Università del Sud Africa in Corporate Citizenship e membro del gruppo consultivo per la Banca mondiale in materia di Corporate Governance.
Scopo dell’incontro riuscir a creare e sviluppare di un’efficace rete per la raccolta, il confronto e la diffusione di proposte per affrontare le sfide della sostenibilità attraverso politiche e pratiche innovative, supportata da una condivisa cultura della responsabilità.
Un tema caro all’Enel come spiega l’Amministratore Delegato e Direttore Generale Enel Fulvio Conti dall’apertura dei lavori “Da un decennio Enel lavora con passione sul tema della Sostenibilità. Un impegno che è stato premiato con risultati importanti: siamo presenti per il sesto anno consecutivo nei prestigiosi indici di sostenibilità del Dow Jones; i fondi etici danno fiducia a Enel e rappresentano il 15 per cento dell’azionariato istituzionale; il nostro bilancio di sostenibilità costituisce una referenza significativa con oltre 450 indicatori, attraverso i quali viene misurato il nostro costante impegno nella responsabilità sociale”.
Il Sustainability Day è stato supportato dalla presentazione dei risultati “Managing for Sustainability”, ricerca dell’Economist Intelligence Unit e da cui emerge l’esigenza da parte di oltre 200 senior executive di grandi aziende che principi e azioni di sostenibilità vadano a fondersi nelle strategie di impresa; una scelta che si è dimostrata vincente – conferma l’indagine – per tutte le aziende che, attive su questo fronte, hanno saputo reagire meglio alla crisi ottenendo uno sviluppo più solido nel lungo termine.
“Vogliamo essere buoni cittadini in tutti i Paesi del mondo che ospitano le nostre attività sviluppando una ‘cittadinanza attiva’ – ha dettoPiero Gnudi, Presidente di Enel, concludendo i lavori della giornata insieme a Mervyn King. – La nostra azienda vuole cioè proporsi come esempio sui temi della sostenibilità e della responsabilità sociale. Un impegno a preservare il rapporto di fiducia con tutti gli stakeholders che non può essere scisso dagli obiettivi di business”.