• Articolo , 22 luglio 2008
  • “Free Duck”: il quadriciclo ibrido per i postini eco-coscienziosi

  • Presentato da Poste Italiane e realizzato da Ducati Energia, arriverà sul mercato entro la fine del 2008. Il progetto è stato approvato dalla Commissione europea nel quadro del programma “Energia intelligente per l’Europa” emesso nel 2006

Una svolta ecologica attende i postini italiani. Questa mattina a Roma è stato presentato “Free Duck”, l’eco-veicolo a trazione ibrida di Poste Italiane, destinato a sostituire i tradizionali motocicli nel servizio di consegna della posta. Si tratta di un quadriciclo leggero omologato per due persone (178 cm di lunghezza per 96 di larghezza) e dotato di un motore elettrico ed uno endotermico di piccola cilindrata (che funge esclusivamente da generatore per ricaricare le batterie). Realizzato da Ducati Energia “Free Duck” nasce dal progetto “Green Post”, promosso dall’Unione Europea per diminuire l’impatto ambientale dei mezzi di recapito nel quadro del programma “Intelligent Energy for Europe”. Nel programma, di cui Poste Italiane è leader, sono coinvolti anche operatori postali di Belgio e Ungheria, PostEurop, il Comune di Perugia, Legambiente, Ducati Energia e i Politecnici di Perugia e di Rousse (Bulgaria). La sperimentazione è cominciata a Perugia lo scorso 30 gennaio, con ben 57 quadricicli, capaci di muoversi agevolmente anche grazie ad un’autonomia di 50 km, se utilizzati a trazione elettrica e di 300 km se ibrida. Avrà una durata complessiva di 30 mesi, durante i quali in collaborazione con l’Università di Perugia, saranno monitorate le performance ambientali ed energetiche per lo sviluppo di modelli previsionali di calcolo che rilevino, anche in altri ambiti urbani, la riduzione dell’inquinamento acustico e dell’aria oltre al risparmio energetico. “Prima del 2010 – assicura Poste italiane – un numero ridotto di esemplari sarà introdotto anche a Milano e Roma”. E ben presto sarà disponibile anche al grande pubblico: “Entro la fine del 2008 il quadriciclo realizzato da Ducati Energia sarà disponibile sul mercato ad un prezzo concorrenziale”, afferma Valerio Gamba, di Ducati Energia. Contemporaneamente l’utilizzo dei “Free Duck” sarà monitorato anche a Bruges e nel centro storico di Szentendre a 20 km da Budapest.