• Articolo , 5 novembre 2008
  • “Innovazione della Bioenergia per le Imprese Agroforestali”

  • “Innovazione della Bioenergia per le Imprese agroforestali”: è il tema del corso di formazione che si avvia a conclusione in questi giorni, promosso dall’assessorato all’Ambiente della Provincia in partenariato con l’Aif (Associazione italiana per la formazione di Viterbo) e finanziato dal Fondo sociale europeo, dalla Regione Lazio e dal ministero del Lavoro e delle Politiche […]

“Innovazione della Bioenergia per le Imprese agroforestali”: è il tema del corso di formazione che si avvia a conclusione in questi giorni, promosso dall’assessorato all’Ambiente della Provincia in partenariato con l’Aif (Associazione italiana per la formazione di Viterbo) e finanziato dal Fondo sociale europeo, dalla Regione Lazio e dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. E in programma adesso c’è un ciclo di workshop sul tema delle energie rinnovabili.

“Il percorso formativo – dice l’assessore all’Ambiente, Tolmino Piazzai – intendeva trasferire e sviluppare competenze spendibili sul mercato del lavoro, con riferimento alla diversificazione dell’attività agricola tramite l’introduzione della bioenergia. La filiera bioenergetica può essere infatti mezzo per l’integrazione del reddito, il recupero ambientale di aree degradate e il miglioramento ambientale delle strutture del turismo rurale”.

Il percorso formativo ha affrontato temi relativi alle fonti energetiche rinnovabili, alla normativa, agli strumenti operativi per la filiera bioenergetica previsti dal nuovo Psr, alle potenzialità di sviluppo del turismo rurale ad essa legate, formando esperti di settore in grado di progettare e implementare soluzioni mirate per l’impiego di energia verde.

Il corso, della durata totale di 400 ore, termina proprio in questi giorni con un ciclo di workshop sul tema delle energie rinnovabili, biomasse e risparmio energetico. Primo appuntamento il 12 novembre a Bolsena su “La bioenergia: un’opportunità per le imprese e per il territorio”, alle 17 al Laboratorio di educazione ambientale, in piazza Matteotti 1.

Aprirà i lavori l’assessore Piazzai, quindi le relazioni su “Linee guida provinciali sugli impianti a biomassa per la produzione di energia elettrica” a cura di Ferdinando Suraci dell’Enea, “Il risparmio energetico in Italia. Panoramica sul quadro normativo e degli incentivi”, a cura di Sandro Meschini dell’ufficio Energia della Provincia di Viterbo, “Le attività in campo energetico ed ambientale” a cura di Giorgio Graziotti della Esco Tuscia, “Fonti rinnovabili e risparmio energetico. Opportunità per le imprese” a cura di Luigia Melaragni di Cna sostenibile, “Dalla teoria alla pratica: esperienze di stage nel progetto Ibiaf” a cura di Mirko Guerrieri della Sea Tuscia srl.

Prossimi incontri il 17 a Canino, il 19 a Montefiascone, il 24 a Vignanello e il 26 a Civita Castellana.