• Articolo , 27 febbraio 2008
  • “Tornado like”, massima efficienza e ridotto impatto ambientale

  • Sarà sperimentato per la prima volta in Italia nel parco dei Monti Sibillini, l’aerogeneratore dalle dimensioni ridotte e capace di lavorare con pochissimo vento

E’ ancora solo di un modello in fase di sperimentazione, ma già promette interessanti vantaggi. Si tratta di “Tornado like”, un modello di impianto eolico a vortice che sarà testato per la prima volta in Italia nel parco nazionale dei Monti Sibillini. Il generatore, nato dagli studi di Ivan Gachechiladze e Gennady Kiknadze, è alto sei metri e largo tre, per una potenza di circa 8 Kw, ed è in grado di operare al massimo dell’efficienza anche con bassissime velocità del vento. “Questo progetto – ha detto il presidente Massimo Marcaccio – presenta elementi fortemente innovativi, come quello di poter essere collocato anche nelle zone marginali, con un potenziale interessante per le attività del parco”. Il generatore si basa sul principio dell’energia diffusa e si compone di un vortice con un avviatore che, a velocità del vento di 3 o 4 metri il secondo, ne assicura la potenza meccanica di 100/200 watt. A loro volta i getti a vortice riescono a formare una nuova classe di correnti in maniera continua determinandone dunque il funzionamento anche in assenza di vento. “Tornado like” sarà installato entro la fine del 2008, con un monitoraggio del suo funzionamento, che coinvolgerà le università di Pisa e Camerino. “Vogliamo produrre energia da consumare sul posto a costi contenuti, riducendo l’attuale di 3500 euro per 1 Kw prodotto di energia eolica – ha spiegato la società Western, azienda che sperimenterà il generatore – L’invenzione proposta è finalizzata alla soluzione di questo problema tecnico, consentendo di raggiungere il risultato desiderato aumentando l’efficienza energetica dell’impianto a vento vorticoso e permettendo il suo funzionamento a partire da venti deboli e da sorgenti di flussi termici”.