• Articolo , 19 febbraio 2010
  • 100.000 euro dalla provincia di Torino per i Piani di sviluppo energetico dei comuni

  • È di 100mila euro la cifra stanziata dalla Provincia di Torino per l’adesione e l’attuazione sul nostro territorio di un’iniziativa della Commissione Europea denominata Patto dei sindaci (Covenant of Mayors): i Comuni che sottoscrivono il patto si impegnano formalmente a redigere e a mettere in pratica un piano di azione per lo sviluppo delle politiche […]

È di 100mila euro la cifra stanziata dalla Provincia di Torino per l’adesione e l’attuazione sul nostro territorio di un’iniziativa della Commissione Europea denominata Patto dei sindaci (Covenant of Mayors): i Comuni che sottoscrivono il patto si impegnano formalmente a redigere e a mettere in pratica un piano di azione per lo sviluppo delle politiche energetiche. L’ambito urbano, infatti, è dove si concentra circa l’80% dei consumi energetici e, quindi, delle emissioni climalteranti, ed è anche la scala di intervento in cui risiedono le maggiori potenzialità di azione. Per questo motivo la Commissione Europea ritiene che l’impegno tecnico-politico dei Comuni sia una delle azioni chiave per il raggiungimento degli obiettivi al 2020.
L’Europa, con il documento Energia per un mondo che cambia del 2007 si è impegnata unilateralmente a ridurre le proprie emissioni di anidride carbonica del 20% entro il 2020, aumentando nel contempo del 20% il livello di efficienza energetica e portando al 20% la quota di utilizzo delle fonti di energia rinnovabile sul totale dei consumi finali di energia.
La Commissione Europea ha stabilito che le Province possono fornire, in qualità di strutture di supporto, indirizzi strategici e supporto tecnico e finanziario ai Comuni che, avendo dato un’adesione politica all’iniziativa, non sono tuttavia in possesso delle capacità tecniche e delle risorse finanziarie per raggiungere gli obiettivi fissati, tra cui la redazione dei piani d’azione.
A giorni la Provincia sottoscriverà l’accordo di partenariato con la Commissione Europea; i fondi stanziati serviranno per la realizzazione di cinque-dieci piani d’azione locali.