• Articolo , 11 maggio 2007
  • 130 metri di sostenibilità

  • Il progetto, firmato dal francese Jean Marc Schivo, dimostra come sia oggi possibile costruire un edificio concepito nel pieno rispetto dei criteri di sostenibilità, non solo durante il suo ciclo vitale, ma anche durante la fase di costruzione

Sorgerà entro il 2010, sulla Roma-Fiumicino, la “Green Tower”, una torre alta 130 metri in grado di produrre energia e ridurre al tempo stesso di oltre il 70% l’inquinamento ambientale. Comfort abitativo, resa energetica ambientale ed immagine, sono i tre elementi all’origine della concezione del programma progettuale dell’edificio.
“Lo studio della forma – spiegano i progettisti di JM Schivo&Associati – consente un orientamento privilegiato a sud sulla più ampia superficie possibile per consentire un irraggiamento solare in inverno tale da prevedere un notevole abbattimento dei costi di riscaldamento convenzionale ed un largo uso della luce naturale all’interno degli appartamenti. In estate gli ampi balconi proteggono le facciate intercettando i raggi solari nelle ore più calde della giornata. La forma della torre garantisce che non si formino alla sua base vortici e forti movimenti ascensionali di vento. Il suo piccolo bosco interno e gli specchi d’acqua favoriscono, al livello degli ingressi, un particolare microclima”. (fonte Edilportale)