• Articolo , 13 gennaio 2010
  • 42 mezzi ecologici al servizio di Bologna

  • Quarantadue nuovi mezzi ecologici tra Fiat Panda, Grande Punto, Doblò e Bravo alimentate a metano e Gpl che verranno utilizzati dal Corpo di Polizia Municipale (25 mezzi) e da altri settori del Comune (17 mezzi): è la scelta “verde” del Comune di Bologna per rinnovare parte della flotta in dotazione e contribuire concretamente a migliorare […]

Quarantadue nuovi mezzi ecologici tra Fiat Panda, Grande Punto, Doblò e Bravo alimentate a metano e Gpl che verranno utilizzati dal Corpo di Polizia Municipale (25 mezzi) e da altri settori del Comune (17 mezzi): è la scelta “verde” del Comune di Bologna per rinnovare parte della flotta in dotazione e contribuire concretamente a migliorare la qualità dell’aria in città.

Nell’ambito dell’attività di rinnovo del parco veicolare circolante in città prevista dal Piano del Traffico riguardante le flotte pubbliche (Trasporto pubblico, Car sharing, Taxi , flotte degli Enti pubblici) e i mezzi privati (veicoli privati a due e quattro ruote e mezzi commerciali), l’amministrazione comunale punta così deciso su una mobilità più sostenibile con un investimento di 600mila euro nell’ambito di un progetto finanziato al 70% dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio. L’obiettivo del Comune? Almeno un veicolo su due a impatto zero o comunque basso, con conseguente beneficio per la qualità della vita dei cittadini.

Ed è di pochi giorni fa la notizia che la centralina più critica – quella di Porta San Felice – ha rilevato 50 giornate di sforamento della soglia di 50 microgrammi/mc di PM10 lungo l’intero arco dell’anno, mentre nel 2008 ne aveva rilevate 68 e negli anni precedenti gli sforamenti erano sempre stati più di 100.