• Articolo , 19 giugno 2009
  • A Ravenna il fotovoltaico conviene

  • Con il progetto “Ravenna Provincia del Sole”, Provincia, Camera di Commercio, Cofiter, Ascom, Confesercenti, Cassa di Risparmio di Ravenna, Credito cooperativo ravennate e imolese e Banca Popolare di Ravenna propongono alle PMI locali del commercio, turismo e servizi finanziamenti a tasso agevolato per investire sull’energia “verde” del sole. Un marchio di qualità per politiche energetiche […]

Con il progetto “Ravenna Provincia del Sole”, Provincia, Camera di Commercio, Cofiter, Ascom, Confesercenti, Cassa di Risparmio di Ravenna, Credito cooperativo ravennate e imolese e Banca Popolare di Ravenna propongono alle PMI locali del commercio, turismo e servizi finanziamenti a tasso agevolato per investire sull’energia “verde” del sole. Un marchio di qualità per politiche energetiche più sostenibili.
Ravenna, 19 giugno 2009 – Un finanziamento a tasso agevolato che in combinazione con l’incentivo statale del Conto energia fa diventare più che mai conveniente l’investimento in energia solare. Una frontiera che produce occupazione, fa bene all’ambiente e contribuisce a migliorare immagine e reputazione di un comparto economico che interagisce per sua natura con una miriade di interlocutori, ormai sensibili al fattore “ambiente” come elemento che genera vantaggi competitivi. È lo scopo di “Ravenna Provincia del Sole”, un incentivo per le locali PMI dei settori del commercio, turismo e servizi lanciato in questi giorni dalla sinergia tra Provincia, Camera di Commercio, Cofiter, Ascom, Confesercenti, Cassa di Risparmio di Ravenna, Credito cooperativo ravennate e imolese e Banca Popolare di Ravenna.

I vantaggi del fotovoltaico? “Ravenna Provincia del Sole” li sintetizza così: niente emissioni inquinanti e risparmio dei combustibili fossili, grande affidabilità e durata fino a più di 25 anni, costi di manutenzione estremamente ridotti e la modularità del sistema che ne semplifica l’eventuale espansione futura. Oltre, naturalmente, alla convenienza.

Perché Cofiter (che concorre alla garanzia per il 50%) e i tre istituti di credito locali mettono a disposizione un mutuo chirografario che non richiede ipoteca, della durata di 15 anni. Il mutuo copre fino al 100% dell’investimento e fino a un importo massimo di 150mila euro ad un tasso d’interesse minimo del 2,90% su cui si applica un ulteriore abbattimento di due punti sul tasso d’interesse.

Combinato con l’incentivo del Conto Energia, il finanziamento di “Ravenna Provincia del Sole” fa sì che le locali PMI interessate alla rivoluzione verde non debbano anticipare alcun investimento e continuino a pagare per qualche anno una rata del mutuo corrispondente al costo della bolletta elettrica. Terminato il periodo di validità del mutuo, l’azienda avrà un notevole vantaggio in termini di risparmio o addirittura l’azzeramento della bolletta.

Ma investire sul sole paga anche a livello di immagine: Provincia e Camera di Commercio conferiranno alle aziende il nuovo logo “Ravenna Provincia del Sole”, un vero e proprio bollino ecologico che diverrà un biglietto da visita di sostenibilità per cittadini, clienti, partner. Senza contare la visibilità sui siti Internet.

“Questa iniziativa s’inserisce nell’ambito di un impegno straordinario della Camera di Commercio per fare delle scelte ambientali un volano per il rilancio economia. – ha sottolineato il presidente Gianfranco Bessi – Stiamo anche verificando tutte le potenzialità di applicazione della geotermia in provincia”,

“Lo slogan Ravenna provincia del sole non è casuale – ha rimarcato l’assessore al Turismo Libero Asioli – Per la nostra provincia il sole è un’opportunità di lavoro e sviluppo visto il peso del turismo balneare. Utilizzare il sole per produrre energia pulita rafforza la nostra immagine di territorio ad alta qualità di vita capace di offrire ai turisti una vacanza ideale che unisce divertimento, rispetto dell’ambiente e cultura”.