• Articolo , 27 marzo 2009
  • A Torino il sole fa la sua rivoluzione

  • Giovedì 2 aprile il convegno sull’energia solare promosso da Legambiente e Eni, nella convinzione che la ricerca sia un elemento essenziale per lo sviluppo del sistema energetico globale futuro basato su fonti pulite, economiche, non esauribili

Università italiana come spazio privilegiato per sviluppare i grandi temi legati all’energia: la visione condivisa di Eni e Legambiente prende forma con il progetto “Il Futuro del Pianeta, gli scenari dell’Energia”, con cui entrambe intendono porre le basi per un confronto propositivo sul terreno delle energie rinnovabili. Il punto di partenza del progetto è l’energia solare tema centrale della conferenza internazionale organizzato il 2 aprile 2009 presso Aula Magna del Politecnico di Torino.
Argomento dell’incontro: “Anche il sole fa la sua rivoluzione”, proprio nella convinzione che dalla quantità e dalla qualità delle ricerche e dello sforzo tecnologico dipenda il futuro su larga scala di questo settore. E saranno nomi importanti della comunità scientifica internazionale quelli che giovedì della prossima settimana si troveranno a parlare agli studenti universitari come i professori James Barber Professore di biochimica dell’Imperial College di Londra, esperto di fotosistemi, Stefan Glunz Capo del Dipartimento Silicon Solar Cells del Fraunhofer Institut fur Energiesysteme di Friburgo, Martin Green Executive Research Director ARC Photovoltaics Centre of Excellence, University of New South Wales Sidney e Mauro Vignolini Responsabile del progetto Solare Termodinamico a Concentrazione di ENEA. L’obiettivo comune del convegno così come in senso più ampio dell’intero progetto è di riuscire a stimolare una discussione scientifica di alto respiro facendo emergere le nuove opportunità, indicando le strade possibili e le sfide ancora da affrontare.