• Articolo , 16 aprile 2009
  • A2A: presentato a registro imprese progetto scissione E.on produzione

  • Oggi, in esecuzione dell’accordo sottoscritto il 16 giugno 2008 da A2A, Acciona, Enel, E.ON, Endesa, Endesa Europa ed Endesa Italia (ora E.ON Produzione), e’ stato presentato, presso il registro delle imprese di Roma e Brescia, il progetto di scissione di E.ON Produzione. Lo rende noto A2A in un comunicato. Nel contesto di tale procedimento di […]

Oggi, in esecuzione dell’accordo sottoscritto il 16 giugno 2008 da A2A, Acciona, Enel, E.ON, Endesa, Endesa Europa ed Endesa Italia (ora E.ON Produzione), e’ stato presentato, presso il registro delle imprese di Roma e Brescia, il progetto di scissione di E.ON Produzione. Lo rende noto A2A in un comunicato.
Nel contesto di tale procedimento di scissione, e’ previsto che vengano trasferiti alla societa’ beneficiaria della scissione (un veicolo interamente partecipato da A2A) la centrale termoelettrica di Monfalcone ed il nucleo idroelettrico della Calabria, oltre alle relative attivita’ e passivita’, a fronte della cancellazione della partecipazione del 20% detenuta da A2A in E.ON Produzione.
La capacita’ attuale della centrale termoelettrica di Monfalcone e’ di circa 1000 MW, mentre la capacita’ attuale del nucleo idroelettrico della Calabria e’ di circa 500 MW.
Per effetto dell’operazione di scissione, la capacita’ di generazione che sara’ gestita dal gruppo A2A sara’ di circa 5700 MW, di cui circa 1400 MW da fonte idroelettrica.
Si prevede che il procedimento di scissione si concluda entro il primo luglio. (com-sen/mcc/ss)