• Articolo , 10 dicembre 2008
  • Accordo comune-categorie per favorire acquisto mezzi ecologici

  • L’assessorato all’ambiente del comune di Rimini e le associazioni di categoria Confartigianato e Cna hanno firmato oggi il protocollo per incentivare la rottamazione dei mezzi aziendali per l’acquisto di veicoli ecologici

Le associazioni, attraverso la Cooperativa UNIFIDI Emilia, metteranno a disposizione degli artigiani un prodotto a interessi agevolati, d’importo massimo di 30.000 euro. A fronte di quest’impegno, l’amministrazione ha inserito alcune deroghe alle limitazioni antismog in vigore dal 7 gennaio al 31 marzo: potranno circolare i veicoli di pronto intervento e per la manutenzione di impianti pubblici e privati.
Il comune ha anche raddoppiato i fondi a disposizione delle cooperative di garanzia portandoli a 250.000 euro.
Saranno 1.500 gli artigiani che potranno usufruire delle agevolazioni.
La nota stampa del comune
E’ stato firmato questa mattina il Protocollo d’intesa tra l’Assessorato alle Politiche ambientali del Comune di Rimini e le associazioni di categoria Confartigianato e Cna per favorire ed incentivare la sostituzione (rottamazione) dei mezzi aziendali con l’acquisto di veicoli nuovi ed omologati per la circolazione mediante alimentazione – esclusiva o doppia – a gas metano, a GPL, elettrica, ad idrogeno (veicoli ecologici).
L’accordo rientra nell’insieme delle iniziative del Comune di Rimini per la tutela dell’ambiente e della qualità dell’aria.
Nello specifico, il protocollo impegna CNA e Confartigianato di Rimini, attraverso la Cooperativa di garanzia unitaria UNIFIDI Emilia, mette a disposizione degli artigiani un prodotto dedicato a interessi agevolati, d’importo massimo di 30.000 euro, per l’acquisto automezzi aziendali a basso impatto ambientale
Le associazioni inoltre si impegnano, attraverso i propri organi di informazione, a proseguire con campagne di informazione la propria azione di sensibilizzazione sulle politiche ambientali verso i propri associati.
I risultati di quest’azione di incentivazione saranno monitorati attraverso un report che le associazioni si impegnano ad inviare all’Assessorato alle Politiche Ambientali entro la data del 30 giugno 2009.
A fronte di questo impegno verso l’ambiente, il Comune di Rimini ha provveduto ad inserire deroghe alle limitazioni previste nella seconda fase dell’ordinanza per la Qualità dell’Aria che entrerà in vigore il 7 gennaio prossimo fino al 31 marzo, nonché a raddoppiare i fondi a disposizione delle cooperative di garanzia portando l’impegno del Comune di Rimini a 250.000 euro a cui vanno aggiunti i 270.000 euro di contributo regionale, assegnato al Comune di Rimini in virtù della sottoscrizione dell’Accordo di programma sulla Qualità dell’aria, per finanziare le trasformazioni dei veicoli privati da benzina a metano/Gpl.
In particolare potranno circolare i veicoli attrezzati per il pronto intervento, la manutenzione, di impianti pubblici e privati o di edifici, a servizio delle imprese e della residenza (sono ricompresi in tale voce gli interventi su impianti elettrici, idraulici, termici, della sicurezza e tecnologici in genere, per interventi di accessibilità all’abitazione), limitatamente ad interventi urgenti non prorogabili e di emergenza.
“Questo è il primo protocollo a livello regionale in cui un’amministrazione comunale sceglie di estendere le deroghe esclusivamente a quelle categorie che si impegnano concretamente a incentivare e finanziare interventi per la riduzione delle emissioni – ha spiegato Andrea Zanzini, Assessore alle Politiche ambientali -. Si tratta di un impegno reciproco volto a migliorare la qualità dell’aria senza stravolgere le necessità lavorative delle categorie artigiane”.
Nel riminese, sono circa 1500 gli artigiani che potranno usufruire delle agevolazioni previste dal protocollo.
“Abbiamo apprezzato molto l’iniziativa dell’Amministrazione comunale di Rimini – dice Davide Ortalli di Cna Rimini – perché punta alla tutela dell’ambiente e nel contempo comprende le ragioni degli imprenditori che non possono permettersi a cuor leggero di cambiare il mezzo con cui lavorano quotidianamente”
Soddisfazione per il lavoro svolto in collaborazione con Cna e con l’Amministrazione Comunale è stata espressa anche da Marcello Pari, di Confartigianato Rimini.