• Articolo , 2 febbraio 2010
  • Accordo Conergy e MEMC che danno il via a una nuova fase

  • La disputa legale tra Conergy AG e MEMC Electronic Materials Inc. si è risolta con un accordo extra-giudiziale, riformulando il contratto sulla fornitura di wafer, che prima prevedeva 8 miliardi di dollari. Secondo il nuovo accordo, le quantità fornite da MEMC seguiranno le richieste dello stabilimento Conergy di Frankfurt Oder (Germania) e i prezzi dei […]

La disputa legale tra Conergy AG e MEMC Electronic Materials Inc. si è risolta con un accordo extra-giudiziale, riformulando il contratto sulla fornitura di wafer, che prima prevedeva 8 miliardi di dollari. Secondo il nuovo accordo, le quantità fornite da MEMC seguiranno le richieste dello stabilimento Conergy di Frankfurt Oder (Germania) e i prezzi dei “wafer” saranno calibrati sull’andamento del mercato.
Conergy riceverà da MEMC metà della sua fornitura di “wafer” e otterrà il resto tramite forniture già decise con altre aziende. Conergy potrà acquistare lingotti di silicio da altri fornitori e usare a regimi più elevati la capacità produttiva del reparto “taglio wafer”, quello nello stabilimento di Frankfurt Oder, incrementando così il valore aggiunto.
Conergy è riuscita così ad evitare svantaggi per quanto riguarda i costi e la competitività. L’approvvigionamento di materie prime è in questo modo più efficiente e anche la fornitura di wafer è assicurata. In definitiva già dal 2010 Conergy potrà così far partire la produzione di moduli a pieno regime e a costi più bassi.