• Articolo , 11 novembre 2009
  • Act Clean, la UE aiuta le Pmi ad ecoinnovvarsi

  • Coordinato dall’Agenzia Federale Tedesca, darà vita al primo network dell’Europa Centrale per la produzione pulita

(Rinnovabili.it) – “Act Clean”:http://www.act-clean.eu/, per esteso “ACcess to Technology and know-how in CLEANer Production in Central Europe”, il progetto finanziato dall’Unione Europea e concepito per supportare le piccole e medie imprese in tutta l’Europa centrale nell’attività di implementazione dei processi di produzione eco-efficienti.
L’obiettivo è quello di realizzare il primo network che colleghi domanda e offerta, fornendo alle PMI il know-how tecnologico e manageriale da un lato e facilitando la commercializzazione di soluzioni già esistenti, dall’altro, nell’ambito ovviamente dell’ecoinnovazione.
Perché un’iniziativa del genere?
Perchè le tecnologie e i sistemi di gestione rispettosi dell’ambiente aumentano le prestazioni ambientali incrementando al contempo i profitti degli imprenditori, riducendo i costi e aumentando il rispetto delle norme ambientali, come richiesto dai regolamenti e direttive comunitarie.
Act Clean, che terminerà a fine 2011 e coinvolgerà oltre 2500 Pmi dell’Europa Centrale, offre nella pratica una serie di idee per ottimizzare i processi produttivi:
* attraverso il supporto diretto dal proprio Contact Point nazionale (per l’Italia l’Enea che partecipaattraverso le unità PROT INN e UDA PMI del Centro di Bologna) che metterà in diretto contatto con gli oltre 200 istituti prestigiosi nel settore della Produzione Pulita;
* attraverso eventi di matchmaking focalizzati sui bisogni specifici delle pmi che daranno la possibilità di accedere alle migliori soluzioni provenienti dai paesi coinvolti nel programma, ovvero Germania, Austria, Polonia, Italia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovenia e Slovacchia;
* grazie alla condivisione del know-how tramite il Database Act Clean con oltre 1000 esempi ad oggi esistenti nel campo dell’eco-efficienza ad oggi disponibili.

In Italia, imprese, enti pubblici e di ricerca, istituzioni, centri servizi, associazioni di categoria ed esperti possono contattare “l’ENEA”:http://www.enea.it/news/news2009/Produzione-pulita.html per aderire al progetto ed al network nazionale di cui fanno già parte: MATTM, Regione Emilia Romagna, CNA, ERVET, GLD legno arredo Rete LCA (Federlegno Arredo, Cosmob, Scavolini, IGEAM, Università Politecnica delle Marche, Febe Ecologic, Università Bicocca Milano), LegnoLegno, coordinatori GDL edilizia e agroalimentare della Rete LCA, Centuria.