• Articolo , 16 febbraio 2010
  • Ad aprile nuova società dalla fusione di Enia e Iride

  • Roberto Bazzano, presidente di Iride, e quasi sicuramente futuro presidente della nuova società, e Andrea Viero, a.d. di Enia, che della nuova società dovrebbe essere direttore generale hanno annunciato la fusione. Precisa Bazzano: “E’ mia opinione che si possa arrivare alla firma dell’atto di fusione fra Iride ed Enia prima delle rispettive assemblee in programma […]

Roberto Bazzano, presidente di Iride, e quasi sicuramente futuro presidente della nuova società, e Andrea Viero, a.d. di Enia, che della nuova società dovrebbe essere direttore generale hanno annunciato la fusione. Precisa Bazzano: “E’ mia opinione che si possa arrivare alla firma dell’atto di fusione fra Iride ed Enia prima delle rispettive assemblee in programma per fine aprile”. Parole d’altronde confermate anche da Viero che spiega come le azioni della nuova società potrebbero esordire in borsa tra i primi di maggio e il primo giugno.
Già votato il sì da parte dei due consigli di amministrazione con la motivazione che sia “possibile proseguire nel processo di fusione alle condizioni previste dal progetto approvato dalle rispettive assemblee straordinarie nel mese di aprile 2009”.
In sostanza i due CdA hanno ribadito che esistono più impedimenti alla fusione che creerà la più grande multiutility italiana dopo A2A. Con grande orgoglio da parte dei maggiori azionisti, i comuni di Parma, Piacenza e Reggio Emilia per Enia e quelli di Genova e Torino per Iride.