• Articolo , 22 luglio 2011
  • Africa, con FEFISOL 15 mln per la microfinanza equo-solidale

  • Un fondo che stimolerà i contadini africani a creare piccole imprese familiari che, impegnate nel commercio equo e solidale, porteranno avanti le proprie attività rispettando l’ambiente e le sue risorse e riducendo la dipendenza degli africani dagli aiuti esterni

(Rinnovabili.it) – Arriva dalla BEI il sostegno concreto per la realizzazione del primo fondo africano di microfinanza creato per sostenere le piccole imprese che operano nel commercio equo e solidale. Conosciuto come FEFISOL, il fondo europeo di finanziamento solidale per l’Africa è stato lanciato oggi dalla Banca Europea per gli Investimenti che investirà nel progetto 5 milioni di euro affiancata dall’Agence Française de Développement (3 milioni) e da una serie di organismi di sviluppo, investitori che, con un budget complessivo di 15 milioni di euro, sosterranno le famiglie rurali aiutandole a concretizzare piccoli progetti agricoli che renderanno i gruppi locali meno dipendenti dagli aiuti esterni.
“La Banca europea per gli investimenti riconosce il supporto di FEFISOL dedicato ai contadini africani e punta a migliorare l’accesso ai mercati del commercio equo. Siamo impegnati ad aiutare lo sviluppo economico della microfinanza e favorire la riduzione della povertà in Africa” ha dichiarato il Vice President della BEI responsabile per l’Africa, Sakellaris Plutarchos.
“La microfinanza è la chiave per la crescita economica nell’Africa sub-sahariana. L’iniziativa FEFISOL raggiungerà comunità rurali remote, aiutando le piccole imprese a sviluppare e progressivamente ridurre la povertà” ha Aggiunto Marie-Hélène Loison, capo del Dipartimento di Private Equity di PROPARCO.