• Articolo , 14 giugno 2007
  • Al Gore sul G8 clima: “Una disgrazia mascherata da grande successo”

  • L’ex vicepresidente americano, presente oggi a Milano in occasione di una mostra, ha commentato gli scarsi risultati ottenuti dagli 8 potenti del mondo sul problema del riscaldamento globale

Dopo l’Oscar ottenuto grazie al suo documentario “Una scomoda verità” interamente dedicato ai problemi ambientali e agli effetti del global warming, Al Gore continua nella sua campagna di sensibilizzazione.
Oggi l’ex vicepresidente, in visita a Milano, ha ricordato che: “Siamo di fronte ad una emergenza planetaria (…) il riscaldamentro climatico è la peggiore crisi che l’umanità abbia mai sperimentato, ma oltre che al pericolo siamo anche di fronte all’opportunità di affrancarci finalmente dalla dipendenza dai combustibili fossili”. Riferendosi poi specificatamente ai lavori del G8 ha dichiarato: “Angela Merkel e lo stesso Romano Prodi hanno fatto grandi sforzi, ma la leadership del mio paese è stata l’ostacolo principale al raggiungimento di un accordo per regolare le emissioni di gas a effetto serra”.
L’ex vicepresidente ha affermato che, almeno per quanto riguarda le questioni climatiche, quello che è uscito dal G8 in Germania è stato un “non-risultato” e ha definito il summit “una disgrazia mascherata da grande successo”.
Al Gore ha poi tenuto a precisare che continuerà la sua battaglia per “far sì che la questione ambientale, attualmente ai margini del dibattito, diventi il tema centrale” anche in un paese come gli Stati Uniti. (Il Sole24ore.com)