• Articolo , 16 giugno 2010
  • Al via il Premio Economia Verde 2010

  • Legambiente presenta la prima edizione del Premio “Economia Verde Emilia-Romagna”, un’iniziativa organizzata col contributo di Coldiretti Emilia Romagna e i patrocini della Regione Emilia Romagna, Aster, Anit e Unioncamere Emilia Romagna. “Abbiamo pensato ad un Premio con cadenza annuale, che potesse agire sia da promotore di iniziative virtuose sia da canale per mettere in luce […]

Legambiente presenta la prima edizione del Premio “Economia Verde Emilia-Romagna”, un’iniziativa organizzata col contributo di Coldiretti Emilia Romagna e i patrocini della Regione Emilia Romagna, Aster, Anit e Unioncamere Emilia Romagna.

“Abbiamo pensato ad un Premio con cadenza annuale, che potesse agire sia da promotore di iniziative virtuose sia da canale per mettere in luce quelle già esistenti – spiega Lorenzo Frattini presidente di Legambiente Emilia Romagna – si vogliono premiare le azioni imprenditoriali che portano miglioramenti in campo ambientale, come risparmi energetici, minor produzione di rifiuti, riduzione dell’inquinamento, ma che al tempo stesso abbiano garantito la creazione di posti di lavoro e produzione di vantaggio economico”.

Le iniziative verranno valutate infatti sulla base di tre criteri: ambientale, sociale ed economico. Nella prima categoria si terrà conto del beneficio ambientale derivante dal progetto o dall’attività presentata; la seconda categoria terrà conto degli elementi di carattere sociale; riguardo agli aspetti economici, infine, si considereranno i risultati legati all’attività in termini di risparmi ottenuti, aumento di vendite, crescita dell’azienda. Dalla combinazione dei risultati verranno individuati i progetti esemplari, le soluzioni più innovative e le buone pratiche facilmente replicabili.

“Con questa iniziativa vogliamo mettere in luce il peso sempre crescente di un certo tipo di impresa che riduce il fabbisogno di materie prime, o che lavora sui prodotti tipici senza l’utilizzo di fitofarmaci, o che limita la nostra dipendenza da petrolio – continua Frattini – Questi settori, antitetici al nucleare o alla filosofia della cementificazione a tutti i costi quale segno dello sviluppo, devono però essere valorizzati a livello politico e di istituzioni. Il premio ha anche questo scopo”.

Sono ammesse imprese con sede in Emilia Romagna o la cui attività candidata al premio venga effettuata in regione e sia stata avviata negli ultimi tre anni. Per partecipare occorre inviare la richiesta entro il 5 settembre 2010 a premio@legambiente.emiliaromagna.it.