• Articolo , 24 gennaio 2011
  • Al via la campagna per sostituire l’amianto con il fotovoltaico

  • Parte dalla Provincia di Ancona la prima Regione Eternit Free, la campagna di Legambiente e AzzeroCO2 per eliminare l’amianto ancora presente nel territorio beneficiando degli incentivi speciali introdotti dallo Stato, favorire la riduzione delle emissioni CO 2 sul territorio e stimolare l’innovazione nelle aziende. L’iniziativa è stata presentata questa mattina presso la sede della Regione […]

Parte dalla Provincia di Ancona la prima Regione Eternit Free, la campagna di Legambiente e AzzeroCO2 per eliminare l’amianto ancora presente nel territorio beneficiando degli incentivi speciali introdotti dallo Stato, favorire la riduzione delle emissioni CO 2 sul territorio e stimolare l’innovazione nelle aziende. L’iniziativa è stata presentata questa mattina presso la sede della Regione Marche alla presenza di Gian Mario Spacca , Presidente della Regione Marche; Patrizia Casagrande, Presidente della Provincia di Ancona; Mario Gamberale , Amministrare Delegato di AzzeroCO2; Luigino Quarchioni ; Presidente di Legambiente Marche; Sandro Donati , Assessore ai Beni ambientali della Regione Marche; Marcello Mariani , Assessore all’Ambiente della Provincia di Ancona e Sandro Scollato , Responsabile campagna Provincia Eternit Free per AzzeroCO2 . Durante la conferenza stampa è stato firmato il protocollo d’intesa con cui le parti si impegnano a promuovere sul territorio la sostituzione dei tetti in eternit con pannelli fotovoltaici.

Con Eternit Free le imprese, cittadini e istituzioni della Regione Marche saranno informati sulla possibilità di utilizzare gli incentivi nazionali del conto energia per interventi di sostituzione dell’eternit, presente sulle coperture di edifici pubblici e di capannoni destinati ad attività agricole e industriali, con impianti fotovoltaici. Un progetto che, prevedendo esclusivamente l’installazione di pannelli sui tetti, non sottrae territorio.

“L’amianto – spiega il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – vive nascosto sottoterra, nelle cantine, nelle tubature, nei pavimenti di edifici pubblici. L’Italia lo ha bandito nel ’92, ma ufficialmente ce ne sono ancora 32 milioni di tonnellate. L’amianto è ovunque e fa male, agli esseri umani e all’ambiente. C’è il dramma umano: 5 mila morti all’anno in Europa, destinati quasi a raddoppiare ogni 12 mesi. Le Marche sono la prima Regione Italiana ad aderire alla campagna Eternit Free di Legambiente e Azzero Co2 per la rimozione dell’amianto attraverso gli incentivi per il fotovoltaico del Conto Energia. Un tema particolarmente caro alla Regione, tanto che nell’accordare l’intesa al governo per il rinnovo degli incentivi del”conto energia”, le Regioni, su esplicita proposta delle Marche, hanno proposto di portare dal 5 al 10% la percentuale di maggiorazione per questi interventi. Il protocollo che sottoscriviamo oggi non è dunque un’operazione immagine, ma un atto molto concreto ed operativo, che prosegue buone pratiche assunte da tempo”.

“Un nuovo modello energetico per una nuova idea di crescita sostenibile – afferma la presidente della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande – in grado di garantire la tutela della salute pubblica e dell’ambiente. È un obiettivo che ha caratterizzato trasversalmente le nostre scelte amministrative, dall’edilizia scolastica all’innovazione del sistema economico. Con il progetto ‘Provincia Eternit Free’ facciamo un altro passo avanti, coniugando promozione delle fonti rinnovabili, bonifica dell’amianto e riduzione dei consumi di energia del territorio. Del resto, non va dimenticato che la nostra provincia è stato il primo territorio delle Marche, e finora l’unico, a dotarsi di una discarica, quella di Maiolati Spontini, in grado di smaltire materiali contenenti amianto”.

” L’adesione di un’intera regione alla campagna “Eternit Free” è un evento di grande importanza che conferma il sempre più ampio successo dell’iniziativa sul territorio – commenta Mario Gamberale , AD di Azzero CO2 – Elaborata in collaborazione con Legambiente, la campagna di AzzeroCO2 “Provincia Eternit Free”, si colloca in linea con le indicazioni europee, che raccomandano entro il 2020 un abbattimento del 20% delle emissioni di CO2, dei consumi energetici e un pari incremento dell’utilizzo di fonti rinnovabili”.

“Tutte le Regioni seguano l’esempio delle Marche – hanno affermato il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza e Luigino Quarchioni , presidente di Legambiente Marche -. La sostituzione delle coperture in amianto con pannelli fotovoltaici porterà un incremento della produzione di energia rinnovabile e una contrazione delle spese in bolletta per chi realizzerà gli interventi. Moltiplicando le energie pulite, possiamo cominciare a chiudere le centrali più inquinanti del nostro Paese e migliorare le condizioni reali dei cittadini e dell’ambiente. Percorrendo questa strada, oltretutto, viene meno ogni ragione di ricorrere al nucleare. Eternit Free inoltre – hanno aggiunto – fa bene alle Marche perché consente di accelerare il processo di rinnovamento energetico, coniugando ambiente ed economia. Un’occasione per i cittadini di realizzare con pochi costi obiettivi di risparmio energetico e di tutela del territorio”.