• Articolo , 26 aprile 2008
  • Al via la rete cittadina degli Sportelli Energia

  • Grazie alla convenzione stipulata da Legambiente con il Comune di Padova e l’Ente di Bacino Padova2 partono gli Sportelli Energia con una diffusione capillare in tutti i quartieri della città. Si tratta di uno spazio aperto al pubblico che fornisce informazioni sulle energie rinnovabili e sul risparmio energetico, nonché sulle relative normative nazionali e locali. […]

Grazie alla convenzione stipulata da Legambiente con il Comune di Padova e l’Ente di Bacino Padova2 partono gli Sportelli Energia con una diffusione capillare in tutti i quartieri della città. Si tratta di uno spazio aperto al pubblico che fornisce informazioni sulle energie rinnovabili e sul risparmio energetico, nonché sulle relative normative nazionali e locali. Quella degli sportelli rappresenta una concreta possibilità di avvicinare la nostra città e i nostri consumi alle riduzioni delle emissioni di gas serra auspicate dal protocollo di Kyoto. Lo sportello, che in un anno e mezzo di attività ha raccolto le domande di oltre 200 utenti, è uno spazio aperto alle informazioni sulle energie rinnovabili e sul risparmio energetico, nonché sulle normative nazionali e locali che rendono particolarmente propizio il momento per usufruire delle detrazioni e degli incentivi previsti dalla finanziaria nazionale e dai bandi locali. La rete degli sportelli è, in questo senso, la più grande ed ambiziosa iniziativa di carattere ambientale messa in piedi a Padova: il necessario aggancio che le fonti rinnovabili richiedono tra cittadini, istituzioni ed installatori – professionisti del settore, il tutto coadiuvato da una normativa fortemente incentivante, costituisce la concreta possibilità di avvicinare la nostra città e i nostri consumi alle riduzioni delle emissioni di gas serra auspicate dal protocollo di Kyoto. Tutto ciò a maggior ragione se teniamo presente che il ritardo del nostro Paese si sta facendo preoccupante (virtualmente stiamo pagando 63 euro al secondo, oltre 5 milioni di euro al giorno) e che il prezzo delle energie da fonte fossile non accenna ad arrestare la sua crescita, determinando una situazione di estrema difficoltà per tutti quei cittadini che ogni anno devono sostenere dei costi sempre maggiori per il riscaldamento e i consumi di corrente e gas. Ci auguriamo che lo Sportello, impegnato nell’informazione, nella divulgazione e nella promozione delle energie pulite e di un uso coscienzioso dell’energia, oltre alla promozione di stili di vita virtuosi, possa essere uno strumento che promuove la cultura delle rinnovabili e dell’efficienza come strategie principali per un’inversione di rotta rispetto al ritardo che per troppo tempo abbiamo accumulato nell’affrontare la crisi climatica.