• Articolo , 22 settembre 2010
  • Ambientalisti USA: affrontare il riscaldamento globale è possibile

  • Le associazioni ambientaliste americane chiedono al Presidente degli States di intensificare il lavoro di riduzione delle emissioni di gas serra in atmosfera, diminuendo l’impatto dalle autovetture.

(Rinnovabili.it) – La primavera scorsa l’amministrazione Obama aveva annunciato la decisione, nell’ambito del Clean Air Act, di ridurre le emissioni di gas serra generate dal sistema trasporti. Nel dettaglio la direttiva in questione si pone come obiettivo quello di diminuire le emissioni dei gas nocivi per un totale di 950 milioni di tonnellate entro il 2016, equivalente alla chiusura di 247 centrali a carbone e alla “rimozione” di circa 181 milioni di auto dalle strade americane. A tal proposito le associazioni ambientaliste statunitensi, fra cui Sierra Club, hanno “azzardato” importanti richieste al Presidente degli States: ossia portare la riduzione delle emissioni nocive ad almeno 143 grammi per miglio, entro il 2025, dai 250 grammi di gas serra previsti dalla normativa. Si ricorda infatti che per ogni gallone di benzina, pari a circa 3,7 litri, vengono immessi in atmosfera tra i 24 e i 28 chili di CO2, attualmente le norme prevedono di ridurre il consumo di benzina di 35,5 galloni a persona, mentre le associazioni chiedono di aumentare questo dato fino a 60. La stessa Sierra Club ha inoltre lanciato una campagna rivolta ai cittadini per promuovere le azioni da adottare per diminuire le proprie emissioni di carbonio, alcune delle soluzioni possibile potrebbe essere affrontare il viaggio verso il luogo di lavoro in bicicletta o apiedi, l’acquisto di un’auto ibrida, effettuare il percorso migliore al fine di diminuire le miglia percorse, e quant’altro di si possa fare per risparmiare petrolio e frenare il riscaldamento globale.