• Articolo , 1 aprile 2009
  • Ambiente, 5^ rapporto Ispra: Roma è la Capitale del fotovoltaico

  • Roma è la capitale del fotovoltaico. A stabilirlo è il quinto rapporto sulla qualita’ dell’ambiente urbano, presentato oggi dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), nel corso dell’inaugurazione di ‘Ecopolis’. La città, infatti, ha 258 impianti installati (per un totale di 1.542 Kw di potenza), poco più di un quarto dei circa […]

Roma è la capitale del fotovoltaico. A stabilirlo è il quinto rapporto sulla qualita’ dell’ambiente urbano, presentato oggi dall’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale), nel corso dell’inaugurazione di ‘Ecopolis’. La città, infatti, ha 258 impianti installati (per un totale di 1.542 Kw di potenza), poco più di un quarto dei circa 1.000 presenti complessivamente in tutto il Paese.
E presto ce ne saranno altri, secondo le intenzioni dell’amministrazione di Palazzo Valentini: “Vogliamo portare tutte le scuole della provincia ad essere approvvigionate dal punto di vista energetico con impianti fotovoltaici”. Ad annunciarlo e’ il presidente della provincia di Roma, Nicola Zingaretti, nel corso della presentazione del progetto ‘Scuole per Kyoto’, oggi alla Nuova Fiera di Roma.
A questo scopo, la provincia, con il sostegno del Kyoto club, ha partecipato al bando ‘Il sole a scuola’ ottenendo un finanziamento di 200.000 euro, di cui 180.000 per la realizzazioni di 20 impianti dimostrativi su altrettanti edifici scolastici di sua proprieta’ e 20.000 per attivita’ didattiche da realizzare nel corso del 2009. Il tutto, precisa Zingaretti, avverra’ “a costo zero per la Provincia perche’ il bando prevede che le imprese vincitrici delle gare installeranno gli impianti e poi terrano la parte di energia prodotta che non sara’ utilizzata dalla scuola”.
Il progetto ‘Scuole per Kyoto’, invece, ha lo scopo di promuovere e diffondere tra i ragazzi la conoscenza delle tematiche energetiche e ambientali: a partire da ottobre, quindi, gli studenti faranno un’analisi energetica della loro scuola, cercando soluzioni per renderla più efficiente. Le migliori proposte riceveranno un premio.
“Il nostro modello di sviluppo- dice Zingaretti- consuma il mondo e lo distrugge. Dobbiamo pensare insieme a un modello produttivo diverso, che crei ricchezza e nuove opportunita’ di lavoro per consumare in maniera più intelligente e producendo anche meno rifiuti”.