• Articolo , 26 giugno 2008
  • Ambiente: festa “Slowly” ad Orvieto, tra natura, sport e gioco

  • Festina lente, affrettarsi lentamente. E’ il motto di Slowly, il fine settimana organizzato da Cittaslow, Legambiente, Slow Food e Uisp il 27, 28 e 29 giugno a Orvieto. Tre giorni – spiegano gli organizzatori – “per ritrovare se stessi e il proprio corpo, ma anche interagire con gli altri, recuperando il piacere del gioco e […]

Festina lente, affrettarsi lentamente. E’ il motto di Slowly, il fine settimana organizzato da Cittaslow, Legambiente, Slow Food e Uisp il 27, 28 e 29 giugno a Orvieto. Tre giorni – spiegano gli organizzatori – “per ritrovare se stessi e il proprio corpo, ma anche interagire con gli altri, recuperando il piacere del gioco e della manualita'”. “Si partecipa, non si sta a guardare!” recita il programma e ogni giorno si gioca a piattelle per le vie e le piazze della citta’, mentre per gli anziani che desiderano ‘riattivarsi’ e’ prevista ginnastica dolce a domicilio. “Per Slowly e’ una grande prima – dichiara Maurizio Gubbiotti, coordinatore della segreteria nazionale di Legambiente – e ci auguriamo che sia l’inizio di una lunga serie di appuntamenti, per promuovere insieme ai comuni virtuosi della Penisola il modello di sostenibilita’ in cui crediamo. Una sostenibilita’ – aggiunge Gubbiotti – che passa attraverso la raccolta differenziate, il risparmio energetico, lo sviluppo delle fonti alternative, il potenziamento e l’uso dei mezzi pubblici, la tutela del territorio e delle sue produzioni di qualita’ ma anche, e soprattutto, attraverso le scelte delle persone. E’ questo il protagonismo in cui crediamo e su cui abbiamo unito le nostre forze per ideare Slowly. Solo i cittadini possono migliorare la qualita’ della vita e dei territori, con ritmi e decisioni che riportino l’uomo al centro”. Sport, passeggiate e giochi, cacce al tesoro, spettacoli teatrali, canti e percussioni, laboratori di pittura e nodi marinari, partite a scacchi, degustazioni di vino e prodotti tipici: Slowly sara’ tutto questo e molto ancora. La festa comincia venerdi’ 27 alle 21.30 con lo spettacolo teatrale “Camelot e la leggenda dei Cavalieri di Re Artu'” in cui vanno in scena molte discipline, dal tiro con l’arco, alla scherma, la ginnastica ritmica, le danze.