• Articolo , 5 aprile 2011
  • Ambiente, finanziamenti per la pulizia di mare e spiagge

  • La Regione Liguria, su proposta dell’assessore all’Ambiente Renata Briano ha stanziato 200 mila euro per co-finanziare interventi di pulizia del mare e delle spiagge in vista della prossima stagione balneare. Il fondo è destinato ai Comuni costieri che potranno presentare domanda dal 18 aprile al 13 maggio prossimi. “Il problema della presenza di rifiuti galleggianti […]

La Regione Liguria, su proposta dell’assessore all’Ambiente Renata Briano ha stanziato 200 mila euro per co-finanziare interventi di pulizia del mare e delle spiagge in vista della prossima stagione balneare. Il fondo è destinato ai Comuni costieri che potranno presentare domanda dal 18 aprile al 13 maggio prossimi.

“Il problema della presenza di rifiuti galleggianti sul mare che raggiungono la costa e le spiagge liguri – spiega l’assessore Renata Briano – si intensifica ed è maggiormente percepita durante la stagione estiva quando l’affluenza turistica è maggiore. Da qui questo provvedimento approvato dalla Giunta regionale che viene incontro ai Comuni per risolvere questo problema”.

I rifiuti provengono principalmente dagli alvei dei fiumi e torrenti, dai fossi o dalle scogliere dove vengono abbandonati dalle imbarcazioni da diporto che si aggiungono al traffico marittimo e all’attività di pesca, dagli scarichi a mare delle fognature che non hanno trattamento dei reflui o condotta di scarico sufficiente.

La Regione Liguria è impegnata da tempo, sia con azioni per la sensibilizzazione e il coinvolgimento di utenti e operatori professionisti per migliorare la raccolta di rifiuti a bordo delle imbarcazioni, nei porticcioli e sui fondali marini, sia con un sostegno finanziario per quelle operazioni di pulizia degli specchi acquei che contrastano il notevole disagio arrecato ai turisti e i conseguenti effetti negativi sull’ambiente e all’economia regionale.
“E proprio il turismo è il primo settore a beneficiare di questo sostegni alle comunità locali – interviene l’assessore Angelo Berlangieri – certamente i problemi maggiori arrivano da carenze strutturali, laddove ancora mancano gli impianti di depurazione, ma indubbiamente l’iniziativa dell’Ambiente è meritevole di attenzione”.