• Articolo , 20 aprile 2010
  • Ambiente: Giunta approva linee guida costituzione ecosportelli Gpp provinciali

  • La Giunta regionale, su proposta dell’assessore della Difesa dell’Ambiente, Giuliano Uras, ha approvato la delibera di istituzione delle linee guida per la costituzione degli “Ecosportelli GPP provinciali”, che saranno finanziati con uno stanziamento di 800 mila Euro. Gli Ecosportelli GPP avranno l’obiettivo di fornire un supporto tecnico alle otto amministrazioni provinciali, ai Comuni e agli […]

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore della Difesa dell’Ambiente, Giuliano Uras, ha approvato la delibera di istituzione delle linee guida per la costituzione degli “Ecosportelli GPP provinciali”, che saranno finanziati con uno stanziamento di 800 mila Euro.

Gli Ecosportelli GPP avranno l’obiettivo di fornire un supporto tecnico alle otto amministrazioni provinciali, ai Comuni e agli altri enti pubblici e, inoltre, offrire un’informazione specialistica alle imprese del territorio per contribuire all’attuazione di PAPERS, il piano di acquisti pubblici ecologici della Regione e all’Osservatorio regionale degli Acquisti Pubblici Ecologici.

Gli acquisti pubblici ecologici GPP (Green Public Procurement) rappresentano una modalità d’acquisto da parte delle pubbliche amministrazioni locali e nazionali basata su criteri ambientali, oltre che sulla qualità e sul prezzo di prodotti e servizi di uso corrente negli uffici pubblici, come penne, matite, carta riciclata e altro materiale di consumo.

La Regione Sardegna ha svolto un’azione pionieristica di promozione all’introduzione di criteri e azioni di eco-efficienza e sostenibilità ambientale nelle procedure di acquisto di beni e servizi e, primo caso nel panorama nazionale, ha adottato un impegno strutturato e sostanziale di politica GPP da parte di una amministrazione regionale attraverso l’approvazione di PAPERS: il Piano per gli acquisti pubblici ecologici. Il Piano prevede anche la promozione di comportamenti all’interno degli uffici che favoriscano l’uso razionale e senza sprechi di acqua ed energia elettrica.

Le linee guida approvate consentiranno di avere modalità operative e qualità del servizio da parte di ciascun Ecosportello provinciale omogenee in tutto il territorio regionale.

“La creazione degli Ecosportelli provinciali rientra negli obiettivi previsti dal Piano di acquisti pubblici della Regione attraverso il quale vogliamo stimolare e promuovere la politica degli acquisti pubblici ecologici. L’acquisto di beni e servizi eco compatibili riduce l’impatto ambientale dall’uso fino allo smaltimento e rappresenta una corretta forma di civiltà”, sottolinea l’assessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Giuliano Uras.