• Articolo , 4 giugno 2010
  • AMBIENTE: LA LANTERNA “BIODIVERSA” CON LO STRISCIONE PER LA GIORNATA MONDIALE

  • Genova, 4 – “Tante specie, un solo pianeta e un solo futuro” è lo slogan dell’Onu per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2010, dedicata alla biodiversità, che campeggia, insieme a una Terra composta graficamente da innumerevoli specie di animali e piante, sul grande e colorato striscione (112 metri quadrati) srotolato questa mattina dalla terrazza della Lanterna […]

Genova, 4 – “Tante specie, un solo pianeta e un solo futuro” è lo slogan dell’Onu per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2010, dedicata alla biodiversità, che campeggia, insieme a una Terra composta graficamente da innumerevoli specie di animali e piante, sul grande e colorato striscione (112 metri quadrati) srotolato questa mattina dalla terrazza della Lanterna dal presidente della Provincia Alessandro Repetto con l’assessore Sebastiano Sciortino, che indossata la maglietta con i loghi dell’evento hanno dato il via alle iniziative dell’ente con la Fondazione Muvita che domani proporranno il clou di un ricco programma di appuntamenti per la tutela dell’ambiente sotto il Faro di Genova. “Abbiamo scelto di celebrare questa Giornata Mondiale alla Lanterna, emblema di Genova e del suo territorio – ha detto Alessandro Repetto – per ribadire l’impegno della Provincia nella tutela dell’ambiente, una risorsa fondamentale e insostituibile e abbiamo dato il via alle nostre iniziative lanciando dal Faro un forte messaggio per la salvezza del pianeta, a partire dalle sostenibilità delle scelte, sulle quali siamo impegnati molto a fondo: quella di Genova infatti è una delle due sole Province in Italia ad avere un bilancio energetico certificato, stiamo lavorando per l’uniformità dei regolamenti edilizi comunali, perché molti di quelli attuali non concedono l’installazione di tetti fotovoltaici, stiamo ricercando specifici finanziamenti per l’abbattimento della Co2 con impianti termici avanzati e sta procedendo, insieme all’Autorità Portuale, il progetto del Porto Verde per l’elettrificazione delle banchine.” Domani, per festeggiare l’ambiente e la tutela della biodiversità alla Lanterna, Provincia e Fondazione Muvita hanno organizzato, a partire dalle 10 e per tutta la giornata, la mostra (aperta anche domenica) “Il clima che faremo – Scatti d’autore per scorgere i segni del clima che cambia, in Liguria” nel Parco del faro, realizzata dalla Provincia sul tema della perdita di biodiversità causata dai cambiamenti climatici; la mostra multimediale “Biodiversità: ricchezza (in)visibile del nostro territorio” allestita nel Museo della Lanterna, in collaborazione con la Polizia Provinciale, che racconta un grande viaggio sulle tracce di animali e piante protagonisti della biodiversità sul nostro territorio, la proiezione (nella saletta auditorium museo della Lanterna) del documentario “Wetlands- Le zone umide del Parco del Beigua” alla scoperta delle piccole e variopinte forme di vita delle zone umide della più vasta area naturale protetta della Liguria. Negli stessi spazi dalle 15 alle 16 una guida del Parco del Beigua presenterà le emergenze naturalistiche dell’area protetta e le diverse opportunità di fruirne, “Pranzo alle Galapagos”: laboratori per bambini nel Parco della Lanterna (alle 11,30, 16 e 17,30, ognuno per un massimo di venti bambini) sui temi della biodiversità realizzati da ScienzAttiva per rivivere l’inizio delle scoperte di Charles Darwin sulla biodiversità. Concluderà la giornata, dalle 19, la festa “Naturalmente, alla Lanterna – Biodiversi….che fortuna!” con letture, racconti, musica e giochi per ricordare che tutti abbiamo un unico ambiente e un unico futuro. L’evento si snoderà attraverso: la passeggiata, il Parco e il piazzale antistante la Lanterna, simboli rispettivamente dell’acqua, della terra e dell’aria, i tre elementi naturali messi maggiormente a rischio dal comportamento umano. Alla giornata organizzata dalla Provincia con la Fondazione Muvita collaborano la Polizia Provinciale di Genova, il Parco del Beigua, le edizioni Il Piviere, ScienzAttiva e Artelier.