• Articolo , 9 aprile 2008
  • Ambiente: le richieste del Wwf ai candidati alle Elezioni 2008

  • L’Associazione chiede al futuro Governo un impegno concreto per fare delle sfide ambientali parte determinante delle prossime politiche

Nell’ambito della sua attività di “monitoraggio” e studio della legislazione ambientale, il Wwf Italia ha scritto ai candidati premier per le prossime elezioni politiche, al fine di realizzare un confronto sui temi ambientali affrontati nei programmi dei singoli candidati e sulle proposte dell’Associazione stessa. “Abbiamo voluto lanciare un messaggio ed una sfida, – dichiara Enzo Venini, Presidente del Wwf Italia – ovvero affermare a tutti i livelli (istituzioni pubbliche, imprese, cittadini) la centralità del ‘valore’ della tutela dell’ambiente. E’ dovere e diritto di tutti la necessità della conservazione delle risorse naturali, senza ideologismi, catastrofismi, radicalizzazioni, ma con un serio e concreto dibattito scientifico, culturale, politico e istituzionale, ad iniziare dal significato stesso della parola ‘ambiente’, e del suo valore intrinseco”. Le proposte dell’Associazione sulle quali è chiesto un impegno riguardano il rispetto e l’attuazione dei trattati internazionali e dei principi del Trattato europeo in materia di tutela dell’ambiente: biodiversità, cambiamenti climatici (“Protocollo di Kyoto”), diritti umani e lotta alla povertà, efficienza e risparmio energetico, opere pubbliche utili, lotta ai crimini ambientali, tutela del paesaggio. I risultati degli incontri e le risposte pervenute sono disponibili sul sito del Wwf.