• Articolo , 18 dicembre 2009
  • Ambiente, Zaratti: “1.300 milioni di euro in cinque anni

  • “L’ambiente è la più grande opera pubblica realizzata dalla Giunta Regionale che ha affrontato la pesante eredità lasciatoci dal precedente governo regionale di centro destra. Su questa sfida ci siamo impegnati, e abbiamo vinto il primo tempo, con un grande sforzo investendo oltre 1.300 MLN di euro, per migliorare l’ambiente, le condizioni di vita dei […]

“L’ambiente è la più grande opera pubblica realizzata dalla Giunta Regionale che ha affrontato la pesante eredità lasciatoci dal precedente governo regionale di centro destra. Su questa sfida ci siamo impegnati, e abbiamo vinto il primo tempo, con un grande sforzo investendo oltre 1.300 MLN di euro, per migliorare l’ambiente, le condizioni di vita dei cittadini del Lazio e l’occupazione. – ha affermato l’assessore regionale all’Ambiente Filiberto Zaratti, durante l’evento “I fatti separati dalle opinioni” che si è tenuto questa mattina all’Auditorium di Roma – Uno dei simboli di questa sfida è stata l’entrata in funzione ieri dell’campo solare fotovoltaico di Montalto di Castro che con i suoi 24 MWe è il più grande d’Italia e che entro il 2010 raggiungerà i 100 MWe diventando il più grande d’Europa. La centrale fotovoltaica di Montalto di Castro circonderà, inoltre, il sito sul quale Enel vuole realizzare due reattori nucleari Epr e ciò costituisce la miglior risposta all’insensatezza e pericolosità del nucleare al quale la Regione si opporrà con ogni mezzo. Con i 64 MWe di rinnovabili in funzione, erano uno nel 2005, e i 277 cantierati la Regione Lazio possiede ora ruolo di primo piano tra le regioni Europee e supererà gli obiettivi dei 400 MWe al 2012 e i 2,5 GW al 2020”.

“La nostra azione sull’ambiente, però, non è stata solo sulle rinnovabili. Lo sforzo più grande lo abbiamo fatto sulle risorse idriche, con 490 MLN di euro, con i quali abbiamo indirizzato la nostra Regione verso la soluzione definitiva e strutturale di annosi problemi storici. Il risultato è sotto agli occhi di tutti. Oggi sono stati riaperti alla balneazione ben 30 km in più rispetto al 2005 e tutti i laghi del Lazio sono balneabili. Altro aspetto importante al quale ci siamo dedicati senza alcun risparmio è quello della difesa del suolo, per mettere in sicurezza il territorio da frane, dissesti idrogeologici ed erosione costiera investendo ben 250 MLN di euro di fondi regionali a fronte di una totale assenza del Governo nazionale. – conclude Zaratti – Abbiamo, inoltre, rafforzato il sistema dei parchi con 140 MLN di euro, istituendo ben 10 aree protette e portando il Lazio tra le regioni nelle quali è più alta la percentuale di territorio protetta”.