• Articolo , 30 giugno 2009
  • Anche il distretto tecnologico trentino nel progetto BiQUEEN

  • È prevista per il 1 luglio la partenza del nuovo progetto *”BiQUEEN. Biomasse di Qualità per la produzione Efficiente di Energia”*, iniziativa coordinata dal *Cnr-Ivalsa* e finanziata dalla *Fondazione Cassa di risparmio Trento e Rovereto*. Nel progetto sono coinvolti anche *Habitech – Distretto Tecnologico Trentino*, l’*Università degli Studi di Trento* (Dipartimento di Ingegneria Civile e […]

È prevista per il 1 luglio la partenza del nuovo progetto *”BiQUEEN. Biomasse di Qualità per la produzione Efficiente di Energia”*, iniziativa coordinata dal *Cnr-Ivalsa* e finanziata dalla *Fondazione Cassa di risparmio Trento e Rovereto*. Nel progetto sono coinvolti anche *Habitech – Distretto Tecnologico Trentino*, l’*Università degli Studi di Trento* (Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale e Dipartimento di Fisica), la *Fondazione Bruno Kessler di Trento* e la *Poznan University of Life Sciences*. Il 10 giugno, presso la sede del Distretto, si è svolto l’incontro preliminare tra i vari responsabili dell’iniziativa. La produzione di energia da biomasse considera la materia prima prevalentemente in termini energetici, di efficienza, di costo, e solo sommariamente sono considerati altri fattori. Infatti, le sostanze terze contenute nelle biomasse sono considerate limitatamente ai requisiti di legge mentre l’origine territoriale del materiale non è per nulla presa in esame, così come il monitoraggio di inquinanti solidi e dei composti volatili dovuti a fermentazioni delle biomasse umide. Questi aspetti tuttavia risultano particolarmente critici nella produzione di energia tramite combustione, che è la tecnologia attualmente più impiegata per la trasformazione delle biomasse. Obiettivi del progetto sono quindi il controllo dell’origine delle biomasse legnose, il controllo di inquinanti solidi e volatili e la produzione di energia mediante combustione controllata.