• Articolo , 3 marzo 2010
  • Anche l’Arpa Sicilia pioniere del riciclo

  • E’ stato presentato il 3 marzo 2010, presso il Centro di Documentazione della sede centrale dell’ARPA Sicilia, il dossier di Legambiente “Comuni ricicloni 2009” sugli indici di gestione integrata dei rifiuti in Sicilia.Vincitore assoluto il comune di Salaparuta che con il 60,67% ha raggiunto la top ten della raccolta differenziata. A seguire I comuni di […]

E’ stato presentato il 3 marzo 2010, presso il Centro di Documentazione della sede centrale dell’ARPA Sicilia, il dossier di Legambiente “Comuni ricicloni 2009” sugli indici di gestione integrata dei rifiuti in Sicilia.Vincitore assoluto il comune di Salaparuta che con il 60,67% ha raggiunto la top ten della raccolta differenziata. A seguire I comuni di Poggioreale, 58,93%, Gibellina, 58,21%, Aliminusa, 52,42%, Santa Ninfa, 50,81%, Casteltermini, 37,25%, Isnello, 35%,Scillato, Montemaggiore, 33,65% e Sciara con il 33,29%. Per il riciclo nei capoluoghi di provincia, primo assoluto è Agrigento con il 15,85%, a seguire Ragusa, 11,21%, Caltanissetta, 10,79%, Siracusa, 7,29%, Enna 5,15%, Catania, 4,04%, Palermo, 3,46%, Messina, 2,69% e fanalino di coda la provincia di Trapani, di cui non sono pervenuti i dati. Per le agenzie di Ambito Territoriale Ottimale, la maglia di trionfatore del riciclo è stata assegnata all’ATO AG1, con il 21,24%, segue l’ATO TP2 con il 20,27% e l’ATO PA5 con il 19,89%.
Menzione speciale per l’Ambito Territoriale Ottimale TP1, gestore di tredici comuni, che con il suo quasi 40%, rappresenta l’unica realtà in Sicilia ad avere cofermato un trend positivo nella raccolta differenziata e, nonostante il contesto territoriale nel quale opera, ad avere fatto dei rilevanti progressi. “L’ARPA Sicilia ha accolto l’iniziativa di ospitare la manifestazione Comuni Ricicloni – spiega Sergio Marino, direttore generale –perché riteniamo che è giusto dare adeguato risalto a quei comuni che hanno investito e si sono impegnati nella raccolta differenziata. E’ un giusto riconoscimento a chi si è impegnato ma anche un segnale che si vuole mandare a tutti quei Comuni, a tutte le Amministrazioni, ai cittadini, che sono poi i primi attori di questo progetto, perché comprendano che devono seguire l’esempio e devono essere loro i primi artefici di un sistema di smaltimento che sia corretto e rispettoso della salute e dell’ambiente”.

I dati relativi alla produzione dei rifiuti dei comuni della Regione Sicilia sono stati messi a disposizione dall’Ufficio del Commissario Delegato per l’emergenza dei rifiuti e la tutela della acque. Per assegnare i premi, di cui purtroppo mancano comunque quelli relativi a 33 comuni della Sicilia, che quindi, non hanno potuto partecipare al concorso, la percentuale di raccolta differenziata è stata determinata sulla base della somma delle raccolte differenziate finalizzate al riciclo in rapporto al totale dei rifiuti prodotti.
La presentazione di “Comuni Ricicloni 2009” ha ospitato la tavola rotonda sul tema “Differenziati, recupera il tuo mondo”. Si tratta di un progetto di informazione e di sensibilizzazione sull’importanza della raccolta differenziata, che si rivolge sia ai cittadini che alle scuole, promosso nell’ambito del programma generale di intervento della Regione Siciliana. Partner del progetto sono Legambiente, Adoc, il Movimento Difesa del Cittadino e l’Unione Nazionale Consumatori. Argomento principale anche il nuovo piano di gestione dei rifiuti, alla luce di nuovi obiettivi contenuti nella “Proposta di revisione del piano di gestione dei rifiuti” e dell’istituzione della Commissione per la revisione del Piano di gestione dei rifiuti in Sicilia. Alla tavola rotonda hanno preso parte, Sergio Marino, direttore generale dell’ARPA Sicilia, Pier Carmelo Russo, assessore regionale all’Energia ed ai Servizi, Roberto De Benedicts, vice presidente del gruppo PD all’Assemblea Regionale Siciliana, Mimmo Fontana, presidente di Legambiente Sicilia, Stefano Ciafani, responsabile Ufficio Scientifico di Legambiente Nazionale.