• Articolo , 16 gennaio 2008
  • Anev: 2007, anno eccellente per l’eolico

  • L’Anev fornisce tutti i dati ufficiali del settore per l’anno appena terminato, dimostrando che, con un tasso del 30% l’anno, la fonte eolica è in continua crescita. Il 2007, con i 634Mw di potenza installata, si afferma così l’annata migliore per l’energia del vento nel nostro paese

Nonostante un quadro normativo solo di recente innovato, anno da record per l’eolico in Italia, come sottolineano i dati forniti dall’Associazione Nazionale Energia del Vento. Per il 2007 la potenza eolica installata è passata da 2.123,36 MW a 2.726,07 MW con una produzione elettrica totale di 4,3 TWh, pari al consumo di oltre 4,5 milioni di persone. Un’ottima notizia dunque, anche alla luce dei nuovi obiettivi comunitari che a breve saranno fissati per il 2020. L’ANEV rimarcando l’importanza della crescita della potenza installata sollecita i pubblici decisori a dare stabilità al quadro complessivo, attuando le previsioni della finanziaria quanto prima. I dati del 2008, infatti, seppur positivi, non sono ancora sufficienti a rimettere l’Italia in carreggiata, riducendo il ritardo accumulato. Tuttavia i benefici ambientali connessi alla produzione eolica hanno garantito il risparmio di 4 milioni di tonnellate di CO2 per l’atmosfera. “Il risultato raggiunto dall’eolico in Italia dimostra come, contrariamente a quanto affermato dai detrattori delle fonti rinnovabili di energia, tale fonte già contribuisce in maniera rilevante alla lotta ai cambiamenti climatici oltre che fornisce un apporto energetico molto importante al sistema elettrico” dichiara il Presidente Oreste Vigorito. “Ancora una volta viene dimostrata l’enorme potenzialità che le fonti rinnovabili e l’eolico tra di esse hanno nella riduzione delle emissioni climalteranti”.(fonte Anev)