• Articolo , 3 maggio 2010
  • Anie/Gifi, Aper e Assosolare fanno luce sul fotovoltaico

  • In occasione della più grande manifestazione di settore, Solarexpo, le tre società organizzano per il 5 maggio un convegno per chiarire la situazione economica, sociale e ambientale del fotovoltaico in Italia

(Rinnovabili.it) – Si svolgerà il 5 maggio a Verona, in occasione di Solarexpo 2010, il convegno “La sostenibilità del fotovoltaico” organizzato da ANIE/GIFI, APER e Assosolare. Gli operatori del settore che ne prenderanno parte potranno, grazie all’incontro, mettersi al passo con la situazione economica ambientale e sociale che il fotovoltaico sta vivendo a livello sia regionale che nazionale.
“L’industria fotovoltaica, per poter continuare a svilupparsi in modo sostenibile – dice Andrea Solzi, Segretario Generale ANIE/GIFI – ha bisogno di tempi e risposte certe da parte delle istituzioni. L’approvazione del Conto Energia 2011 non può più essere posticipata e contestualmente – aggiunge Domenico Inglieri, Consigliere ANIE/GIFI – le Linee Guida Nazionali per l’Autorizzazione Unica dovranno essere il principale strumento a livello nazionale per regolare e uniformare l’inserimento degli impianti fotovoltaici nell’ambiente urbano e naturale”.
Saranno proprio i rappresentanti delle tre società organizzanti a discutere gli attuali temi tra cui il Conto Energia 2011 e l’integrazione nell’ambiente delle nuove istallazioni solari facendo conoscere al pubblico quali siano effettivamente le possibilità di investimento nel settore.
Nell’ambito dell’incontro saranno illustrati esempi di sviluppo concreti legati all’implemento del fotovoltaico, come l’esperienza denominata “Un ettaro di cielo” in cui 300 cittadini di Peccioli si sono visti protagonisti della realizzazione di un parco fotovoltaico da 1000 kWp, attualmente in grado di produrre 1300 MWh di elettricità pulita ogni anno.
Attualmente il settore del solare si trova in stallo, anche a causa dell’incertezza in merito al nuovo conto energia: il blocco degli investimenti e le preoccupazioni sul futuro hanno bisogno di vedere nuova luce e il convegno si prefigge di chiarire anche questi aspetti, per garantire al fotovoltaico la ripresa economica di cui ha forte necessità “Accanto agli incentivi alla produzione – sostiene Marco Pigni, Direttore APER – vanno pensate misure dirette di sostegno dell’industria fotovoltaica per consolidare la filiera italiana, per lanciare nuove tecnologie e per supportare nuove soluzioni impiantistiche di integrazione architettonica. E’ necessario inoltre – sottolinea Pietro Pacchione, Consigliere APER – che le Regioni investano nel fotovoltaico intelligenza, risorse, competenze e professionalità per dimostrare di credere nell’opportunità di promuovere l’economia locale nel pieno rispetto del paesaggio e dell’ambiente”.