• Articolo , 9 novembre 2010
  • Appello del Parlamento Europeo: tuteliamo le foreste per ridurre le emissioni

  • In vista del prossimo vertice di Cancun il Parlamento Europeo propone di riuscire a trovare una sintesi tra tutte le delegazioni presenti per tutelare il patrimonio forestale come strumento importante per ridurre le emissioni inquinanti

(Rinnovabili.it) – In attesa del prossimo vertice sul clima di Cancun anche il Parlamento Europeo fa sentire la sua voce per centrare gli obiettivi di riduzione delle emissioni e lo fa puntando sulla salvaguardia del patrimonio boschivo e forestale. Una immensa risorsa minacciata dalla deforestazione che provoca ogni anno il 20% delle emissioni di CO2 a livello mondiale “più dell’intero comparto trasporti e con un impatto inferiore soltanto al settore energetico”. E proprio con questo obiettivo il Parlamento sta lanciando un appello alle delegazioni che prenderanno parte al prossimo vertice affinché possano trovare delle posizioni comuni in difesa delle foreste, come strumento importante per contenere le emissioni climalteranti del pianeta. “Il comparto energetico europeo emette circa 4,1 miliardi di tonnellate di anidride carbonica ogni anno mentre la deforestazione, il taglio e il trasporto illegale di tronchi di albero, il rogo delle foreste pluviali in Brasile, Indonesia e altri paesi è responsabile della produzione di circa 6 miliardi di tonnellate di CO2 ogni anno – ha commentato il vicepresidente della delegazione del Parlamento a Cancun Karl-Heinz Florenz – Ma questo non vuol dire che non si possa far niente, anzi”.
Un’iniziativa, quella di trovare soluzioni condivise in vista dell’incontro di Cancun, che è stata preceduta da un’altrettanto importante programma ONU ribattezzato _REDD+ Ridurre le Emissioni provocate dalla Deforestazione e dal Degrado delle foreste_ avviato per dare uno stimolo finanziario ai paesi in via di sviluppo per disincentivare la deforestazione e ridurre, di conseguenza, la quantità di emissioni di CO2. I deputati europei della Commissione Ambiente, però, sono andati anche oltre e lo scorso ottobre hanno sollecitato l’Unione Europea a sostenere il programma. La loro risoluzione, nella quale sono ricompresi anche molti altri argomenti legati al cambiamento climatico, sarà portata in questo mese all’attenzione dell’assemblea di Strasburgo per essere votata. Un documento che prepara la posizione che il Parlamento Europeo terrà alla prossima conferenza ONU sul cambiamento climatico, prevista a fine novembre a Cancun.