• Articolo , 6 dicembre 2010
  • Argentina: 1.500 mln di dollari al “vento”

  • La nazione dell’America Latina si fa strada nel settore delle energie alternative, e lancia un programma di incentivazione per favorire la realizzazione di parchi eolici.

(Rinnovabili.it) – Il Governo argentino ha lanciato un programma d’incentivazione per lo sviluppo delle energie rinnovabili, con un valore iniziale pari a più di 1.500 milioni di dollari adibiti alla costruzione di turbine eoliche. Sotto la sua supervisione il Governo ha quindi proposto una gara d’appalto per l’aggiudicazione di un contratto di vendita con Cammesa, la joint venture che gestisce il mercato dell’elettricità. Il prezzo dell’energia eolica sarà di circa 130 dollari per Mwh, quattro volte superiore al normale (30 dollari per Mwh). Tra i maggiori interessati all’iniziativa troviamo l’Impsa, azienda costruttrice di dighe idroelettriche e proprietaria di alcune centrali eoliche, e Isolux, una società di costruzioni spagnola appaltatrice di numerose opere pubbliche nella Penisola iberica. Nella lista degli appaltatori anche numerose imprese locali come quella di Eduardo Eurnekian, l’Emgasud, Sogesic e molti altri. Ognuno di questi player ha importanti progetti nel settore eolico argentino, ad esempio Impsa realizzerà nei prossimi 24 mesi tre parchi eolici da 105 MW, due a Santa Cruz e uno a Chubut, per un valore complessivo di 200 milioni di dollari. Al contempo Isolux investirà circa 400 milioni di dollari per la costruzione di quattro parchi a Rawson, ognuno dei quali produrrà 50 MW di energia elettrica per un totale di 200 MW. La gara è parte di una prima tranche di incentivi elargiti dall’Argentina, che verranno ripagati grazie all’investimento di imprenditori privati, incentivi che aumenteranno nei prossimi mesi con nuovi annunci anche in altri settori rinnovabili come il solare termico, il fotovoltaico, i biocarburanti e l’idroelettrico.