• Articolo , 9 dicembre 2010
  • ASEA: Implementazione del progetto GP WIND

  • Il progetto “GP WIND – Good practice in reconciling offshore and onshore wind energy with environmental objectives” è entrato nel vivo della sua fase operativa. Sono stati infatti presentati il logo ufficiale ed il sito web del progetto (www.project-gpwind.eu), che vede l’Asea impegnata nella sua realizzazione insieme ad altri sedici partners di otto nazioni dell’Unione […]

Il progetto “GP WIND – Good practice in reconciling offshore and onshore wind energy with environmental objectives” è entrato nel vivo della sua fase operativa. Sono stati infatti presentati il logo ufficiale ed il sito web del progetto (www.project-gpwind.eu), che vede l’Asea impegnata nella sua realizzazione insieme ad altri sedici partners di otto nazioni dell’Unione Europea.

Nei vari territori coinvolti dal progetto è in corso un’analisi dei fattori che rappresentano un ostacolo ad una diffusione ecocompatibile dell’energia eolica. Lo studio delle singole realtà avviene anche attraverso il diretto e fattivo coinvolgimento degli stakeholders presenti sul territorio. Questa fase dell’implementazione progettuale, di definizione della metodologia, è preliminare e propedeutica allo sviluppo dei casi studio che partiranno successivamente nelle diverse realtà locali, per analizzare la comunanza dei problemi e la trasferibilità di buone prassi. Uno dei casi riguarderà l’area del Fortore che ospita una dei maggiori parchi eolici europei. Nel nostro territorio sono stati coinvolti diversi soggetti portatori di interessi quali: enti locali, compagnie ed imprese energetiche, associazioni ambientaliste ed altri attori locali, in particolare dell’area del Fortore. Alcuni di costoro sono stati anche invitati a compilare un questionario con il quale hanno potuto direttamente contribuire al progetto, vale a dire: evidenziare delle problematiche, degli aspetti critici, proporre delle opzioni e delle soluzioni rispetto ad una questione specifica. In sostanza, alla luce delle attività e dell’esperienza di ciascun soggetto, è stato possibile migliorare la conoscenza della situazione dell’energia eolica nella nostra provincia, nei suoi diversi risvolti ambientali (impatto sugli ecosistemi e sulla biodiversità) economici sociali (consenso sociale e ricaduta socioeconomica). Il territorio del Fortore infatti presenta diversi parchi eolici, da quelli che hanno ormai oltre dieci anni di vita, a quelli che recentemente hanno ottenuto l’autorizzazione alla costruzione da parte della Regione Campania. I dati che sono emersi da ogni questionario, insieme a quelli emersi nella Provincia di Savona, altro partner italiano del progetto, sono stati analizzati ed è stato redatto un report tecnico che è stato inviato al Governo Scozzese, capofila del progetto Gp Wind. Tutti gli stakeholders saranno altresì coinvolti nelle altre attività programmate, in particolar modo nella progettazione della guida per le buone prassi. Inoltre avranno accesso alla newsletter, parteciperanno alle attività di divulgazione e potranno scambiare esperienze con altri soggetti europei che operano nell’ambito dell’energia eolica. Si realizzerà in tal modo una concreta partecipazione alle attività progettuali per le realtà locali, così come da specifica finalità dei progetti finanziati dal programma comunitario EIE. Il progetto Gp Wind rappresenta, in sintesi, un concreto beneficio per la nostra provincia, cogliendo direttamente le opportunità offerte agli enti locali dall’Unione Europea, attraverso la valorizzazione e l’arricchimento del suo territorio, ottenuti grazie alla realizzazione del caso studio ed al confronto con altre significative realtà territoriali comunitarie.