• Articolo , 3 giugno 2011
  • Assosolare al GSE: si faccia chiarezza

  • Tra i punti critici, il registro per i grandi impianti, il premio per i componenti UE e le richieste di convenzione inviate al Gestore e ancora inevase

(Rinnovabili.it) – Il Presidente di Assosolare, Gianni Chianetta, ha scritto una lettera al Gestore dei Servizi Energetici (GSE) per condividere le richieste di chiarimento delle oltre 90 aziende associate ad Assosolare riguardo al IV Conto Energia e al Decreto Rinnovabili. Nel corso di un’ampia consultazione interna all’associazione, infatti, sono state riscontrate alcune criticità che potrebbero compromettere il buon funzionamento del meccanismo incentivante e sulle quali sarebbe necessario fare luce. Le criticità riscontrate sono relative al D. Lgs 28/2011, al DM 5/05/2011 e alle Regole tecniche per l’iscrizione al registro per i grandi impianti fotovoltaici.
La prima questione riguarda le centinaia di richieste di convenzione che rientrano nel cosiddetto Salva Alcoa, inviate al GSE e ancora inevase nonostante siano già trascorsi 60 giorni; per Assosolare, si tratta di una situazione che sta mettendo in difficoltà economiche gli operatori, i quali, oltre a dover sostenere extra costi finanziari, non sono nemmeno nelle condizioni di incassare gli incentivi e i proventi derivanti dall’energia prodotta.
Dubbi interpretativi sono emersi anche relativamente al Registro per i grandi impianti: non è chiaro né quali siano le tariffe incentivanti a cui si potrà accedere né le modalità di calcolo per il raggiungimento dei tetti massimi di spesa previsti (CAP).
Per quanto riguarda il premio del 10% per gli impianti che fanno parte della cosiddetta filiera europea, invece, andrebbero specificati sia la tipologia dei certificati richiesti sia i contenuti e i criteri del certificato di ispezione di fabbrica; per Assosolare, tale chiarimento sarebbe utile per consentire il rilascio del certificato da parte di organi certificatori riconosciuti.