• Articolo , 20 dicembre 2010
  • Aster, un bando per tagliare i consumi di energia

  • Centocinquantamila euro contro l’effetto serra. A tanto ammontano i finanziamenti a disposizione dell’Emilia-Romagna messi a disposizione nell’ambito del secondo bando del programma europeo EnercitEE. Un pacchetto di opportunità presentate nei giorni scorsi a Bologna nel corso dell’Infoday che si è svolto a Bologna “La cooperazione territoriale per l’energia in Emilia-Romagna”. Il bando finanzierà azioni promosse […]

Centocinquantamila euro contro l’effetto serra. A tanto ammontano i finanziamenti a disposizione dell’Emilia-Romagna messi a disposizione nell’ambito del secondo bando del programma europeo EnercitEE. Un pacchetto di opportunità presentate nei giorni scorsi a Bologna nel corso dell’Infoday che si è svolto a Bologna “La cooperazione territoriale per l’energia in Emilia-Romagna”.

Il bando finanzierà azioni promosse da organizzazioni pubbliche – in collaborazione con partner europei – capaci di avere ricadute concrete sui cittadini nella direzione di una maggiore efficienza energetica. Obiettivo? Avvicinarsi al “20-20-20” della celebre Direttiva: ridurre i gas serra del 20%, ridurre i consumi del 20% e soddisfare il 20% del fabbisogno di energia con le fonti rinnovabili entro il 2020.

“Tanto più gli obiettivi sono alti e generali – spiega Paolo Bonaretti, direttore generale di Aster, partner per l’Emilia-Romagna del programma EnercitEE – tanto più è importante mettere in campo iniziative concrete che avvicinino il tema alle persone e alle imprese, rendendo evidente che ognuno può e deve fare qualcosa, perché solo così potremo avvicinare il traguardo”.

Grazie al primo bando di EnercitEE sono già partiti in Emilia-Romagna tre progetti. Il primo – al quale partecipa Arpa Emilia-Romagna – si chiama Clipart e sta sperimentando un sistema che a regime aiuterà le amministrazioni nel calcolare le emissioni inquinanti che si tagliano con i diversi provvedimenti, riuscendo così a concretizzare – soprattutto agli occhi di cittadini e imprese – i benefici che si ottengono con le azioni e gli eventuali sacrifici richiesti.

Il secondo progetto decollato in Emilia-Romagna, cui partecipa l’Agenzia per l’energia e lo sviluppo di Modena, si propone di offrire ai cittadini diverse opportunità per risparmiare energia nella propria quotidianità. Una sfida che sarà lanciata nelle diverse regioni partecipanti ad almeno 5mila persone attraverso 48 seminari, newsletter, guide e articoli sui media.

Il terzo e ultimo progetto, cui partecipa Ervet, vuole arrivare a istituire una rete regionale di almeno 20 consulenti per l’energia, attivi in ogni territorio per dare consigli utili soprattutto su quel che si può fare in casa per raggiungere gli obiettivi del pacchetto 20-20-20.

Questo secondo bando sarà aperto fino al 4 marzo 2011. Per facilitare la ricerca dei partner europei è possibile proporre la propria idea progettuale direttamente sul sito di progetto (www.enercitee.eu/sub-projects/).

I progetti potranno riguardare la promozione e lo scambio di buone pratiche per l’efficienza energetica e strumenti finanziari per le politiche energetiche locali.
Per ulteriori informazioni si può visitare il sito del programma (www.enercitee.eu) oppure scrivere all’ufficio Aster che se ne occupa all’indirizzo enercitee@aster.it.