• Articolo , 21 maggio 2009
  • Attivisti protestano contro il governo australiano

  • Blitz ambientalista all’interno della centrale per protestare a favore della lotta al cambiamento climatico

(Rinnovabili.it) – La centrale termoelettrica australiana di Hazelwood risulta essere una delle più inquinanti al mondo. Con una capacità di 1600 MW produce l’8% dell’energia utilizzata nel Paese, riversando nell’atmosfera 19 milioni di tonnellate di gas serra all’anno.
E’ per questo che, stamane all’alba, 14 attivisti di Greenpeace si sono introdotti all’interno della centrale: hanno voluto protestare contro il Governo australiano, secondo loro poco impegnato nella lotta contro il cambiamento climatico.
”Il governo australiano deve intervenire contro il cambiamento climatico abbandonando il carbone e deve investire in energia rinnovabile, per proteggere l’ambiente e creare centinaia di migliaia di posti di lavoro”, ha affermato il portavoce di Greenpeace, Simon Roz.
Sette dei quattordici attivisti si sono invece incatenati ad una draga per carbone bloccandola, sono stati in seguito liberati dalla polizia, che li ha arrestati per violazione di zona riservata.