• Articolo , 5 novembre 2007
  • Australia: energia dal sole…anche di notte!

  • L’ammnistrazione locale di Cloncurry costruirà una centrale da 10 megawatt, con un costo pari a 4,2 milioni di euro, che produrrà circa 30 milioni di chilowatt ore l’anno, sufficienti per 3500 abitazioni

La centrale di Cloncurry, una remota cittadina nel nordovest del Queensland, in Australia, sarà in grado di generare elettricità anche nei rari giorni nuvolosi, e di notte, poiché si alimenta con il calore trattenuto in blocchi di grafite. La città, che detiene il record storico del giorno più caldo nel continente, si prepara a diventare il primo centro urbano nel Paese a dipendere soltanto dall’energia del sole, dopo essere stata scelta per ospitare la prima centrale termica solare nel Paese. La centrale, che dovrebbe entrare in funzione all’inizio del 2010, funzionerà a energia termica solare, e differisce dalle unità a pannelli fotovoltaici, che producono direttamente energia, in quanto sarà munita di 8000 specchi che rifletteranno la luce solare su blocchi di grafite. L’acqua pompata attraverso i blocchi servirà a generare vapore, che a sua volta produrrà elettricità a mezzo di turbine. L’utilizzo del calore immagazzinato nella grafite permetterà di produrre vapore anche dopo il tramonto, e consentirà ai generatori di funzionare anche di notte. “La città di Cloncurry vanta il titolo del giorno più caldo mai registrato in Australia, 53 gradi all’ombra nel 1889, quindi è la località ideale”, ha osservato la premier del Queensland, Anna Bligh. (fonte Ansa)