• Articolo , 28 marzo 2007
  • Australia: obiettivo riduzione emissioni Co2

  • Nonostante la preoccupante siccità che si sta di recente verificando in alcune zone del continente australiano e la necessità di un differente approccio al problema ambientale ed energetico, sembra che il Primo Ministro, Jon Howard, non voglia rinunciare alle entrate provenienti dal settore minerario

Sir Nicholas Stern, autore del recente Rapporto sul “ClimateChange”, si è recato ieri a Canberra ad incontrare il Primo Ministro, John Howard, per richiedere alla nazione di varare, sulla scia di stati quali la California, La Francia ed il Regno Unito, un impegno in merito alla riduzione del 60% delle emissioni di CO2 nel paese entro il 2050 (con l’obiettivo intermedio del 30% entro il 2020).
Il Primo Ministro, che pure dopo la diffusione del rapporto Stern aveva accennato alla possibilità di un diverso approccio rispetto all’emergenza ambientale (tra l’altro approvando la messa al bando nel paese, nel giro dei prossimi anni, di lampadine elettriche non efficienti dal punto di vista energetico), non sembra ancora voler rinunciare all’attuale indotto economico del settore minerario (in particolare del carbone), nemmeno considerati i gravi pericoli ambientali da scongiurare. (Fonte ABC News/Report ABC Television)