• Articolo , 25 giugno 2009
  • Austria: gas dal legno per la città dell’autosufficienza energetica

  • Un futuro fatto di gassificazione termica e biologica per Gussing, che ha inaugurato ieri un nuovo impianto per la produzione di biogas da materiale legnoso

(Rinnovabili.it) – Gussing, città austriaca di 4000 abitanti, situata nella regione economicamente meno sviluppata dell’Austria, nell’arco di 20 anni ha saputo dare una svolta al proprio futuro investendo nella produzione di energia rinnovabile e più precisamente nel biogas ottenuto dalla fermentazione di materiale ligneo. Per gli abitanti è arrivato il momento, proprio in questi giorni, di inaugurare un nuovo impianto, in grado di fornire 100 metri cubi di biogas all’ora, che sommato agli altri già esistenti avvicina la cittadina al sogno dell’autosufficienza energetica. Oltre a provvedere al fabbisogno elettrico il gas prodotto presso gli impianti può essere utilizzato sia nei sistemi di riscaldamento urbano che a livello delle autovetture, e il surplus viene venduto alla rete nazionale assicurando così anche un importante ritorno economico.
“Abbiamo ancora bisogno di combustibili fossili, – ha dichiarato il Ministro dell’Ambiente Nikolas Berlakovich durante la cerimonia di inaugurazione – ma questo impianto mostra ciò che è tecnicamente possibile”. L’impianto, co-finanziato dalla Unione Europea, Svizzera e Austria ha avuto tre anni per passare dalla fase sperimentale a una fase industriale a fronte di un investimento di 8 milioni di euro e “il gas prodotto ha la stessa qualità del gas naturale”, ha detto Richard Zweiler, del Centro europeo per l’energia rinnovabile (AEE), che si trova dietro al progetto. Il “modello Gussing è già così famoso da essere stato replicato in Germania e, su scala più ampia, in Svezia.