• Articolo , 12 novembre 2010
  • Authority e Gse, ispettori speciali delle rinnovabili

  • Partiranno nel 2011 i nuovi controlli sulle produzioni da fonti rinnovabili o assimilate per verificare la correttezza delle attività e recuperare eventuali incentivi indebitamente percepiti

(Rinnovabili.it) – Il Piano 2011 delle verifiche a carico degli operatori degli impianti a fonti rinnovabili o assimilate è pronto ai nastri di partenza. Lo scorso 4 novembre Alessandro Ortis ha firmato la *delibera VIS 121/10* d’approvazione del Piano proposto dal Comitato di esperti e la nuova campagna di verifiche sulla generazione incentivata è ora definita. Gli obiettivi sono ancora una volta prevenire e scoraggiare comportamenti scorretti da parte degli operatori individuando, se presenti, eventuali incentivi indebitamente percepiti da impianti a fonti rinnovabili così come da quelli cogenerativi o che utilizzano gli scarti di lavorazione e/o di processo, per restituirli nelle bollette ai consumatori.
Saranno sottoposti a ispezione in tutto 30 impianti, per un insieme produttivo superiore a 2000 MW; la metà di questi saranno a fonti energetiche pulite, quattro da fonti assimilate da combustibili fossili o di processo e 11 da cogenerazione.
Si tratterà di una campagna ‘a due mani’ in quanto a partire dallo scorso 1° luglio, così come previsto della legge 99/09, l’Aeeg ha iniziato ad avvalersi del Gestore dei servizi energetici (GSE) per lo svolgimento delle attività tecniche di controllo. Attività che possono vantare già ottimi risultati: nelle verifiche effettuate negli ultimi cinque anni – svolte finora con la collaborazione della Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico – “sono stati individuati incentivi indebitamente percepiti per oltre 166 milioni di euro”:http://www.rinnovabili.it/autorithy-166-mln-recuperati-dagli-eco-incentivi-percepiti-illegittimamente-403277; la quasi totalità di questa cifra, circa 116 milioni è già stata restituita dagli operatori ed immediatamente destinati a contenimento delle bollette energetiche.