• Articolo , 14 luglio 2010
  • Aziende virtuose e sostenibili, tra 15 anni sarà realtà

  • Comunicati i risultati dell’indagine di Accenture e del Global Compact delle Nazioni Unite sulla sostenibilità aziendale. Per 93 CEO su 100 la sostenibilità sarà la chiave dello sviluppo futuro delle aziende

(Rinnovabili.it) – Sono convinti che per far continuare a crescere le loro aziende nei prossimi anni ci sarà sempre più necessità di adottare politiche di sostenibilità aziendale e ambientale. Vedono un futuro in cui il business si coniugherà necessariamente con l’etica e l’applicazione di nuove tecnologie soprattutto nel campo delle rinnovabili. E’ questo il ritratto dei circa 750 CEO – chief executive officer, (gli amministratori delegati) delle aziende di circa un centinaio di Paesi, appartenenti a 25 differenti settori economici che è stato fatto da una ricerca di _Accenture_ e del _Global Compact_ delle Nazioni Unite. Per l’Italia hanno partecipato all’indagine Alessandro Profumo, Fulvio Conti e Paolo Scaroni, rispettivamente amministratori delegati di Unicredit, Enel e Eni.
Quello che emerge dalla ricerca commissionata dal Global Compact dell’Onu è un quadro che fa sperare per i prossimi anni in un impegno concreto delle aziende di molte aree del pianeta nella direzione di una maggiore sostenibilità. Infatti 93 Ceo su 100 ritengono che i temi della sostenibilità saranno cruciali per il futuro successo delle rispettive aziende, mentre per l’83% degli intervistati è stata la crisi economica a elevare il ruolo della sostenibilità e dell’etica come generatore di fiducia nelle aziende. Guardando ai prossimi anni i vertici delle aziende che hanno preso parte all’indagine hanno le idee molto chiare: infatti per il 72% uno dei principali elementi di sviluppo per il futuro successo delle rispettive aziende sarà l’educazione. Il 91% dei Ceo ha poi comunicato la disponibilità delle rispettive aziende a impiegare nell’arco dei prossimi cinque anni nuove tecnologie e sviluppare anche l’uso di energie rinnovabili.
E se i propositi sono più che positivi, rimane ancora qualche ostacolo all’orizzonte per rendere realmente sostenibili tutte le aziende. Il 49% dei Ceo intervistati ha dichiarato che è la complessità dei processi attraverso le varie funzioni aziendali l’ostacolo maggiore. Ma circa l’80% degli amministratori delegati crede che entro 15 anni il tema della sostenibilità possa comunque raggiungere la piena integrazione nella maggior parte delle aziende di tutto il mondo. “Raggiungere una maggiore sostenibilità ambientale e sociale – ha sottolineato Georg Kell, executive director del Global Compact delle Nazioni Unite – richiede tempo, lavoro e un sincero impegno da parte della leadership”.