• Articolo , 2 luglio 2009
  • Bando europeo da 140 mln per la ricerca nell’idrogeno

  • Bus a idrogeno, eco-stazioni di ricarica, e pc verdi, questi le aree di applicazione in cui dovranno vertere i progetti

(Rinnovabili.it) – Nel maggio del 2008 il Consiglio Europeo ha adottato il regolamento che istituisce la Fuel Cells and Hydrogen Joint Technology Initiative (“JTI”:http://www.rinnovabili.it/ue-1mld-di-euro-per-un-futuro-energetico-a-idrogeno-701841) una partnership pubblico-privata creata con lo scopo di accelerare l’introduzione sul mercato della tecnologia delle celle a combustibile. In accordo con la Commissione Europea oggi è stato lanciato il secondo Bando per la ricerca: 140 milioni di euro, di cui 71,3 di finanziamento pubblico ed il restante attraverso i contributi dei partner industriali, nell’ambito dello stanziamento globale a disposizione fino al 2014 di un miliardo di euro. I 29 temi progettuali del bando mirano a immettere idrogeno e fuel cell sul mercato nel periodo tra il 2010 e il 2020 nel campo dei trasporti, dei computer e delle stazioni di ricarica elettrica sviluppando e migliorando durata, prestazioni e il rapporto costo-efficienza per la tecnologia in questione. Accogliendo con favore il lancio del nuovo bando il commissario UE per la Scienza e la Ricerca, Janez Potočnik, ha dichiarato: “Il nuovo passo compiuto oggi dalla JTI evidenzia il continuo impegno della Commissione e dell’industria europea a sviluppare tecnologie innovative per mettere l’Europa al primo posto nel campo del ‘green-tech’. Il prezioso partenariato in questo settore e gli altri che seguiranno nel quadro del piano SET aiuteranno l’UE a soddisfare i suoi ambiziosi obiettivi energetici e ambientali più velocemente e ad un minor costo. Tali investimenti sono oggi una garanzia per la competitività e la crescita di domani”. Il termine per l’appello è il 15 ottobre 2009 e la selezione dei progetti sarà annunciata nel mese di marzo 2010. Per ulteriori informazioni consultare il “sito”:http://ec.europa.eu/research/fch dedicato o consultare direttamente la “pagina del bando”:http://cordis.europa.eu/fp7/dc/index.cfm?fuseaction=UserSite.CooperationDetailsCallPage&call_id=225.