• Articolo , 22 aprile 2010
  • Bike sharing e rinnovabili, uno sposalizio da incentivare

  • Il Ministero dell’ambiente prosegue con i programmi di incentivazione della mobilità sostenibile negli spostamenti urbani

(Rinnovabili.it) – Pubblicato ieri sul sito ministeriale, il “bando”:http://www.minambiente.it/opencms/export/sites/default/archivio/bandi/BIKE_SHARING.pdf “Bike sharing e fonti rinnovabili” è stato lanciato dal dicastero ambientale con l’obiettivo di dar vita ad un sistema doppiamente vincente in ambito della riduzione delle emissioni climalteranti e della produzione energetica. Ad essere sostenuti saranno, nel dettaglio “progetti di bike sharing associati a sistemi di alimentazione mediante energie rinnovabili ed in particolare pensiline fotovoltaiche” presentati da Comuni, Enti gestori dei parchi nazionali e regionali che potranno avanzare le istanze anche in forma associata o consortile. I fondi stanziati, *14.000.000 di euro*, cofinanzieranno gli investimenti mediante i contributi in conto capitale in una misura massima del’80% dell’intero costo finanziabile, ossia la somma delle spese ammissibili previste dal bando, per un costo complessivo compreso tra i 50.000 euro e i 500.000 euro a progetto.
Rientrano nell’ambito dei progetti ammissibili interventi relativi alla realizzazione di piste ciclabili; costruzioni di parcheggi attrezzati riservati alle biciclette, presso strutture e/o spazi pubblici; fornitura di biciclette elettriche a pedalata assistita; installazione di colonnine per la ricarica delle biciclette elettriche; impianti ad energia rinnovabile a supporto del servizio di bike sharing; sistemi informatici per il monitoraggio del servizio e iniziative di comunicazione inerenti alle fonti rinnovabili, con particolare attenzione alla diffusione della cultura della bicicletta. Le domande di ammissione dovranno essere inoltrate a partire dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale nelle modalità e nei tempi stabiliti dal bando stesso.