• Articolo , 17 novembre 2008
  • Biofuel: In volo con un pieno di alcol

  • La società brasiliana Embraer mostra il suo velivolo, Ipanema, alla Conferenza sui biocarburanti in Brasile sollecitando il dibattito internazionale sulle sfide e le opportunità offerte dai biocarburanti

L’Ipanema è un velivolo destinato soprattutto all’agricoltura, nei servizi antincendio e nel traino di alianti, il cui aspetto fondamentale, non è la sua funzione, ma la sua alimentazione: l’Ipanema infatti vola ad alcol. Non si tratta di fantascienza, ma di una realtà consolidata, in quanto il particolare velivolo è costruito da Embraer e commercializzato da Neiva (una controllata della compagnia brasiliana), che dopo 35 anni di produzione ha venduto 1000 unità di questo aereo. In origine il velivolo era stato progettato con un motore a benzina, oggi è addirittura certificato per volare con l’alcol. L’alimentazione con questa particolare risorsa rappresenta una forma di alimentazione tre volte meno dispendiosa del carburante aeronautico, in quanto migliora le prestazioni generali dell’aereo e riduce i costi operativi e di manutenzione, garantendo di conseguenza un minore impatto sull’ambiente. In occasione della Conferenza Internazionale brasiliana sui biocombustibili che si tiene in questi giorni a San Paolo, Embraer mostrerà il suo aereo in modo tale da contribuire con i fatti al dibattito internazionale sulle sfide e le opportunità offerte dai biocarburanti.
L’Ipanema è un esempio recente dell’impegno di Embraer in campo ambientale, la società brasiliana, infatti, è stata la prima industria aeronautica al mondo a ricevere la Certificazione Ambientale ISO 14001.