• Articolo , 13 settembre 2010
  • Biofuel, Russian Technologies costruirà il primo impianto in Siberia

  • Il presidente della Russian Technologies State Corporation, Sergei Chemezov, ha annunciato che la sua azienda realizzerà, entro il 2011, il primo impianto per la produzione di biofuel in Siberia

(Rinnovabili.it) – L’annuncio è arrivato direttamente oggi dal presidente Sergei Chemezov: la “Russian Technologies State Corporation”:http://www.rostechn.ru/en/ realizzerà, entro il 2011, il primo impianto a biofuel della storia della Siberia. “Abbiamo firmato tutti gli accordi e inizieremo a costruire l’impianto a partire dal prossimo mese di marzo-aprile. Del resto – ha aggiunto Chemezov durante un colloquio con il presidente russo Dmitry Medvedev – sarebbe impossibile cominciare a costruire prima, in inverno, ma siamo sicuri di riuscire a far terminare i lavori entro la fine dell’anno”.
Il presidente della Russian Technologies si è da subito dimostrato fiducioso sulle grandi possibilità offerte dal mercato dei biocarburanti e dalle biotecnologie. “Si produrrà biobutanolo dai trucioli di legno e dalle radici che saranno trattati in modo specifico per produrre combustibile”. Chemezov ha poi sottolineato come gli additivi obbligatori di biobutanolo, in un range che va dal 10 al 15%, siano molto usati in numerose nazioni. “Ciò permette, in primo luogo – ha ricordato sempre il numero uno della Russian Technologies – di ottenere un aumento del numero di ottani della benzina e, in secondo luogo, una notevole riduzione delle emissioni di CO2. La differenza rispetto agli altri Paesi sta nel fatto – ha poi sottolineato – che gli altri utilizzano scarti di canna da zucchero, mais e colza mentre noi utilizzeremo solo il legno”.